Accedi

Il lavoro del futuro: quali saranno i trend più in voga nel 2023?

Quali sono le tendenze del 2023 nel mondo del lavoro?

Secondo le indagini degli esperti, questo nuovo anno sarà all’insegna della flessibilità in tutti i sensi.

Vediamo dunque di approfondire, analizzando quelli che sono i principali trend lavorativi e come potrebbero migliorare il wellbeing aziendale.

Buona lettura!

Questi i quattro trend del mondo del lavoro (2023) che ti stupiranno

#1 Lavoro da remoto e ibrido

Lungi dall’essere solo una sbornia dei tempi della pandemia, ricerche e statistiche dimostrano che le modalità di lavoro da casa, da remoto e ibride sono destinate a diventare standard, almeno per i lavoratori di determinati settori.

Sebbene sia ancora presto per valutare l’impatto sociale di un cambiamento di tale portata, i primi rapporti suggeriscono che questa flessibilità porti a una maggiore felicità dei lavoratori e a una maggiore produttività.

Tuttavia, ci sono anche delle sfide e nel 2023 vedremo le aziende iniziare a confrontarsi con le ramificazioni di sicurezza di una forza lavoro ampiamente distribuita che si connette alle reti aziendali attraverso una varietà di dispositivi e protocolli.

Lavorare lontano dall’ufficio può anche portare i dipendenti a sentirsi meno legati ai colleghi e a trovare difficile sviluppare e coinvolgere la cultura aziendale. In risposta a ciò, le aziende dovranno assicurarsi che le pratiche di lavoro remoto e ibrido siano implementate in modo da soddisfare le esigenze dell’azienda e dei dipendenti.

Dal punto di vista dei dipendenti, i lavoratori potrebbero trovarsi sempre più spesso a dover bilanciare i risparmi ottenuti eliminando gli spostamenti quotidiani con i maggiori costi energetici sostenuti trascorrendo più tempo a casa.

trend lavoro 2023 | CVing

#2 Orari flessibili / Settimana lavorativa di quattro giorni

Oltre al pendolarismo quotidiano, il 2023 potrebbe essere l’anno in cui saluteremo un’altra convenzione di lunga data: la settimana lavorativa di sei giorni.

Negli ultimi anni in molti Paesi sono stati effettuati esperimenti di settimana lavorativa di quattro giorni, tra cui Inghilterra, Belgio, Svezia e Islanda, e nel 2023 saranno avviati progetti negli Stati Uniti, in Scozia, Irlanda, Canada e Nuova Zelanda.

Nel Regno Unito, l’86% delle aziende che hanno partecipato alla sperimentazione ha dichiarato che è molto probabile o probabile che prendano in considerazione l’adozione di una politica permanente di quattro giorni alla settimana. I dipendenti che partecipano alla sperimentazione devono mantenere lo stesso carico di lavoro che avevano quando lavoravano cinque giorni, in cambio dello stesso stipendio. Il tempo totale di lavoro viene ridotto tagliando le attività non produttive dalla giornata lavorativa, come concordato tra il dipendente e i suoi supervisori.

La riduzione del numero complessivo di ore lavorate è un esperimento entusiasmante con implicazioni potenzialmente positive per la salute mentale e fisica.

Anche se è improbabile che diventi obbligatorio, i lavoratori cercheranno sempre più opportunità nelle aziende che offrono flessibilità come incentivo, il che significa che le aziende che lo fanno avranno la prima scelta delle migliori assunzioni.

Inoltre, nel 2023 è probabile che un numero maggiore di aziende adotti disposizioni per la flessibilità degli orari, consentendo ai dipendenti di conciliare le responsabilità genitoriali e le opportunità di formazione con il proprio lavoro.

Leggi anche: Burnout sul lavoro: cosa fare per affrontarlo e tornare a essere produttivi

#3 Competenze per i leader per combattere il turnover

Quando si parla di evoluzione delle competenze, spesso si intende l’aggiornamento o la riqualificazione dei lavoratori con competenze tecniche. Inoltre, i leader a tutti i livelli – dai manager di recente nomina fino ai dirigenti – devono aggiornare le proprie capacità di leadership per far progredire l’azienda.

In altre parole, i segreti per  riconnettere i colleghi alla cultura aziendale sono nelle mani di manager e leader.

Ma non è tutto: queste competenze ruotano intorno allo scopo personale e aziendale. I lavoratori, soprattutto quelli più giovani, come la generazione Z, cercano uno scopo nel loro lavoro, ecco perché è fondamentale che i datori di lavoro e le organizzazioni dimostrino come il loro lavoro si colleghi a un obiettivo più ampio.

Sebbene sia sempre stato importante per i leader aggiornare le proprie competenze, è più che mai vitale e il panorama è cambiato, con una maggiore attenzione a far sentire i lavoratori ascoltati, rispettati e con uno scopo.

I team di oggi sono probabilmente multigenerazionali e geograficamente dispersi. I lavoratori sono più vulnerabili al burnout a causa dello stress derivante da Covid e dall’incertezza dell’ambiente politico ed economico.

Infatti, quasi la metà dei lavoratori (48%) al livello globale dichiara di essere preoccupata per il burnout, ragion per cui sono derivati fenomeni come la Great Resignation e il ‘quiet quitting’, dove i lavoratori decidono di prendersi una pausa dal lavoro; se vogliono eliminare l’assenteismo e i licenziamenti volontari, i leader devono essere resilienti, e questo può richiedere coaching o formazione.

In effetti, marchi diversi come McDonald’s, Nestlé e GE Gas Power hanno recentemente introdotto il coaching di massa a molti livelli dell’organizzazione, per aiutare i manager a vari livelli a:

  • sviluppare le capacità di comunicazione;
  • gestire i conflitti;
  • pensare in modo strategico;
  • mantenere l’attenzione del cliente;
  • promuovere la diversità e l’inclusione.

Questa tendenza continuerà e accelererà nel 2023, poiché i datori di lavoro cercano di massimizzare i propri talenti interni e di ridurre il turnover.

trend lavoro 2023 | CVing

#4 Occupazione sostenibile

In un periodo come quello odierno, è fondamentale che la sostenibilità si impadronisca delle strategie della forza lavoro.

Infatti, l’attrattiva dei talenti, la salute fisica, mentale e finanziaria dei lavoratori e l’occupabilità a lungo termine non possono più essere disgiunte dalla capacità di un’azienda di creare valore a lungo termine, performance sostenibile e resilienza.

Le aziende o si trovano ad affrontare un’agguerrita concorrenza per i talenti in un mercato che è diventato estremamente trasparente, con commenti sui social media che possono fare o distruggere i marchi dei datori di lavoro.

In questo contesto, i datori di lavoro dovrebbero puntare a eccellere in ogni fase del percorso lavorativo. Il modo in cui attiri i tuoi talenti è davvero inclusivo? Investi nell’occupabilità di (tutti) i tuoi lavoratori invece di sostituirli quando le loro competenze diventano obsolete? I tuoi dipendenti riconoscono lo scopo della tua azienda come sostenibile?

Investire nella circolarità della forza lavoro diventerà quindi un imperativo nel 2023: collegare la redditività e lo scopo della tua forza lavoro consentirà alla tua organizzazione di andare oltre un ottimo processo di onboarding, splendide mense o offerte di formazione complete per articolare pratiche di impiego sostenibili.

Leggi anche: Contratto da stagista nel 2022: come funziona, quanto dura e qual è lo stipendio minimo

Conclusioni

In questo articolo abbiamo parlato delle principali tendenze del lavoro nel 2023: riassumendo, questo nuovo anno sarà probabilmente all’insegna della flessibilità, dell’investimento sui nuovi talenti e sul mantenimento di quelli già presenti in azienda.

A presto!

Share:

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp