Accedi

Employer Branding e Personal Branding: cos’è che le rende così centrali?

Perché oggi si sente parlare di concetti come employer e personal branding?

Se hai deciso di aprire questo articolo significa che la questione ha incuriosito anche te.

Infatti, oggi approfondiremo la questione, daremo una definizione dell’uno e dell’altro e capiremo in che modo le due cose sono fondamentali per la crescita aziendale.

Employer branding e personal branding: due facce della stessa medaglia

employer branding cos è | CVing

Che cosa si intende per employer branding?

Analogamente al modo in cui funziona un marchio aziendale (che offre una proposta di valore ai clienti, definendo i prodotti o i servizi sul mercato), un employer brand comprende la percezione che il mercato ha della tua azienda come datore di lavoro, ma descrive anche la tua promessa (o proposta di valore per i dipendenti) ai dipendenti in cambio della loro esperienza, dei loro talenti, dei loro contatti o delle loro competenze.

L’employer branding, quindi, è semplicemente il modo in cui commercializzi la tua azienda alle persone in cerca di lavoro.

E come puoi farlo?

Mettendo in evidenza gli elementi di differenziazione culturale della tua organizzazione e lavorando per amplificarli, in modo da posizionarti come un luogo di lavoro di prim’ordine.

Un employer brand che funziona permette di definire l’essenza della tua azienda, sia per quanto riguarda la sua unicità sia per quello che rappresenta, e poi creare e allineare queste aspirazioni con le persone che stai cercando di attrarre. In questo modo si comunica che la tua organizzazione è un buon datore di lavoro e un ottimo posto di lavoro, il che aumenta gli sforzi di reclutamento e il coinvolgimento e la fidelizzazione dei tuoi attuali dipendenti.

Se fatto bene, l’employer branding crea un’atmosfera di entusiasmo intorno alla tua azienda, che attirerà persone motivate in cerca di lavoro e un team di dipendenti soddisfatti.

E poi queste persone si gireranno e trasmetteranno la loro esperienza positiva ad altri talenti, clienti, clienti e stakeholder, ampliando ulteriormente la portata del tuo employer brand.

In altre parole, si crea un circolo virtuoso da cui tutti possono trarne beneficio.

Leggi anche: L’intelligenza emotiva: una soft skill sempre più importante nel mondo del lavoro

Qual è il valore di un employer brand forte?

Non investire nell’employer branding è costoso, e non intendiamo in modo generico.

Intendiamo dire in modo diretto, senza ombra di dubbio, su aspetti come:

  • i costi di reclutamento per dipendente;
  • il budget per le risorse umane;
  • i profitti complessivi.

Per cominciare, le aziende con una reputazione favorevole sul mercato possono ricevere fino al 50% delle candidature in più rispetto alle aziende con un employer brand negativo. Considerando che per i responsabili delle risorse umane è più difficile assumere i talenti di cui hanno bisogno a causa delle carenze di competenze e di altri fattori, si tratta di una differenza enorme nell’efficienza di un selezionatore o di un talent manager.

Un sondaggio condotto da CR Magazine e Cielo Talent ha mostrato che quasi il 50% dei lavoratori non lavorerebbe per un’azienda con una cattiva reputazione, anche con un forte aumento del compenso.

I conti tornano: con un employer brand negativo o inesistente, le organizzazioni spendono probabilmente il 10% in più per ogni dipendente assunto. Il che significa lavorare più a lungo e con maggiore impegno solo per scovare potenziali dipendenti di qualità.

Ma quando i candidati migliori vogliono lavorare per te, l’effetto è opposto. I costi di reclutamento non solo diminuiscono, ma crollano significativamente. In altre parole, quando l’employer brand è forte, i reclutatori sperimentano meno attriti nel presentare la tua azienda ai migliori talenti e nel farli arrivare alla fase dell’offerta. La tua azienda diventa una calamita per i talenti e la tua reputazione cresce.

personal branding | CVing

L’importanza del personal branding per la tua azienda

Il personal branding è il processo di definizione e promozione di ciò che rappresenti come individuo. Dunque, è il risultato delle esperienze, delle competenze e dei valori che ti differenziano.

Per i social media influencer, i freelance e gli oratori, la costruzione di un marchio personale efficace fa parte della ‘vendita’ ai clienti. Per le persone ‘comuni’, il personal branding:

  • migliora l’autostima;
  • apre le porte a nuove opportunità;
  • aiuta a capire meglio sé stessi.

Ma c’è un problema.

Spesso confondiamo la nostra reputazione con il nostro marchio personale.

Ecco la differenza: le prime impressioni che si fanno, i rapporti che si instaurano con i manager e i colleghi, il modo in cui si comunica, tutti questi elementi hanno un impatto su come gli altri vi vedono.

Il personal branding, invece, è molto più intenzionale. È il modo in cui vuoi che gli altri ti vedano.

Ma come fare nella pratica?

Per iniziare a costruire il tuo personal branding, inizia a chiederti cosa ti spinge. Sì, esatto, cosa ti spinge ad alzarti la mattina e ad andare al lavoro? Quali sono le competenze che ti incuriosiscono ma che non hai ancora sviluppato? Quali argomenti suscitano il tuo interesse?

Poi, allinea i tuoi valori agli obiettivi della tua organizzazione. Supponiamo che quest’ultima porti regolarmente sul mercato i prodotti più all’avanguardia e apprezzi i leader che sfidano lo status quo e pensano fuori dagli schemi.

Come si allineano i tuoi attuali punti di forza con gli obiettivi dell’azienda? Ti consideri una persona creativa, che ama risolvere problemi complessi? Allora, potresti scegliere ‘innovatore’ come attributo chiave del tuo personal branding.

Ma non è tutto.

Proprio come nel mondo commerciale, un marchio non ha valore se le persone non lo conoscono. Per aumentare la tua visibilità, crea una mappa degli stakeholder. Può trattarsi di un semplice elenco di persone che vorresti conoscere o che possono aiutarti a progredire nell’organizzazione, oppure di un documento articolato che evidenzia come gli altri potrebbero essere in grado di fare advocacy per te.

Infine, rivolgiti alle persone con cui vorresti entrare in contatto. Quando le incontri, approfitta dell’occasione per mettere in luce le tue capacità e i tuoi interessi e il modo in cui queste competenze potrebbero giovare a loro e al loro lavoro.

Dunque, in che modo personal branding e employer branding si fondono e diventano importanti?

Semplice: armonizzare gli sforzi di branding permettono di ottenere un impatto maggiore.

L’attrazione tra il marchio individuale e quello aziendale forma un legame produttivo che produce vantaggi reciproci.

Prendendo come esempio i programmi di marketing, è noto da tempo che tre (o più) tattiche di campagna di marketing funzionano meglio di una sola. Questo approccio viene definito marketing integrato. Crea risultati migliori per le aziende rispetto a tattiche isolate, come la pubblicità, le e-mail o le pubbliche relazioni.

Il motivo è che ogni attività, lavorando di concerto, amplifica i risultati di un’attività correlata. Il ritorno sull’investimento (ROI) è maggiore rispetto al lancio di tre attività isolate. Una campagna integrata con una tempistica ottimale raggiunge risultati esponenziali.

Di conseguenza, lavorare sul personal e sull’employer branding permette di ottenere risultati migliori da cui traggono beneficio l’azienda, i dipendenti e il datore di lavoro stesso.

Leggi anche: Come ritrovare la motivazione nel lavoro: 7 consigli per ripartire con il piede giusto

Conclusioni

Questo articolo aveva il proposito di mettere in evidenza la crescente importanza del personal branding e dell’employer branding e come il loro lavoro sinergico possano permettere un’esponenziale crescita aziendale.

Share:

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp