Accedi

Ecco come scrivere un curriculum perfetto: i consigli dei recruiter

Scrivere un curriculum che non passi inosservato è la chiave per poter ottenere un colloquio di lavoro.

Purtroppo però, è molto facile incappare in errori di ogni genere, specie se è la prima volta che ti ritrovi a dover mettere su carta le tue esperienze lavorative e formative.

In questo articolo vedremo come farlo in sette passi.

Sette consigli che ti aiuteranno a stilare il tuo prossimo curriculum

scrivere un curriculum al pc | CVing

1. Scegliere il formato

Prima di iniziare a scrivere, devi decidere come vuoi che sia il curriculum nel suo complesso.

Puoi scegliere di:

  • utilizzare dei programmi di creazione di curriculum;
  • iniziare da zero e passare a un layout più avanzato.

In questo secondo caso potrai correggere la rotta, modificare, rielaborare e scegliere il formato di curriculum più adatto alla tua situazione specifica (del resto, non tutti hanno una ‘traiettoria di carriera’ facile da compartimentare).

In generale, è molto probabile che debba coprire e/o includere sezioni sui seguenti punti:

  1. la tua esperienza lavorativa;
  2. la tua esperienza extra-lavorativa, comprese le organizzazioni professionali, il coinvolgimento nella comunità o i progetti collaterali;
  3. la tua formazione e le tue certificazioni;
  4. le tue competenze (in particolare le hard skills) e i tuoi interessi.

Ok, tutto molto bello, ma come organizzare tutte queste informazioni?

L’opzione di gran lunga più comune è l’ordine cronologico inverso, che consiste nell’organizzare le esperienze dalla più recente alla meno recente. Quindi, le esperienze lavorative andranno al di sopra del percorso di studi e il ruolo attuale andrà al di sopra dei ruoli precedenti che hai ricoperto.

Naturalmente, questo ordine ha delle eccezioni: forse hai deciso di riprendere gli studi tra un lavoro e l’altro, oppure il tuo ruolo più recente è irrilevante per il lavoro per il quale ti stai candidando. Quindi, l’intera pagina potrebbe non essere esattamente in ordine cronologico inverso, a seconda della tua situazione.

Ricorda: questa è solo una linea guida.

Esiste anche il cosiddetto curriculum funzionale o basato sulle competenze. Si usa piuttosto raramente, soprattutto per chi cambia carriera e per chi ha una storia lavorativa limitata o complicata. Deve il suo nome al fatto che elenca principalmente le competenze piuttosto che le esperienze, mettendole in evidenza rispetto alla storia lavorativa e alla formazione.

Infine, puoi anche optare per un curriculum combinato, che è un mix tra un curriculum cronologico inverso e un curriculum basato sulle competenze. Mette in evidenza le competenze in alto, ma lascia altrettanto spazio in basso per le esperienze lavorative e scolastiche.

2. Iniziare con le informazioni di base

Le informazioni di contatto devono sempre trovarsi all’inizio del curriculum.

In questa intestazione dovrai includere tutto ciò che potrebbe essere utile a un selezionatore per mettersi in contatto con te, ovvero:

  • generalità;
  • numero di telefono;
  • indirizzo e-mail.

Potresti anche scegliere di inserire altre informazioni, come l’URL di LinkedIn o del tuo sito web personale, i tuoi profili sui social media (se rilevanti per il lavoro) o il tuo indirizzo.

La chiave è rendere questa parte più chiara possibile. Se un responsabile delle assunzioni non riesce a contattarti, è inutile perfezionare il resto del curriculum.

3. Aggiungere l’esperienza lavorativa

Questa sezione sarà molto probabilmente la parte principale del curriculum.

La tua esperienza lavorativa può essere un’unica categoria, oppure puoi scegliere di suddividerla in:

  1. esperienza pertinente;
  2. esperienza aggiuntiva.

Così potrai evidenziare i lavori più importanti per i responsabili delle assunzioni.

In ogni caso, è quasi sempre preferibile che le esperienze più recenti siano in cima e quelle più vecchie in fondo.

All’interno di questa sezione, dovrai includere ogni titolo di lavoro ufficiale, l’azienda (e possibilmente la sua sede) e gli anni in cui hai lavorato lì. Sotto, aggiungi da due a quattro punti che spieghino cosa hai fatto in quel lavoro, le competenze acquisite ed esercitate, gli strumenti utilizzati e i risultati ottenuti.

Se hai ottenuto molti risultati durante il periodo di lavoro, concentrati sulle responsabilità che hanno avuto un impatto maggiore, nonché su quelle che ti allineano meglio con il lavoro per cui ti stai candidando.

Quando stili questo elenco, inizia sempre con un verbo d’azione forte che descriva al meglio ciò che hai fatto.

Leggi anche: Il lavoro del futuro: quali saranno i trend più in voga nel 2023?

4. Volontariato o altre esperienze formative

Tutto quello che non è esperienza di lavoro – attività secondarie, tirocini, volontariato, progetti speciali – può essere inserito in sezioni chiaramente etichettate.

A seconda della solidità della tua esperienza lavorativa, può valere la pena di includere queste cose, soprattutto se ti hanno aiutato a migliorare le tue competenze o ad allinearti meglio con il lavoro dei tuoi sogni.

Se hai conseguito la laurea, potresti anche creare una sezione dedicata alle attività svolte all’interno dell’ateneo, come club, organizzazioni o esperienze di leadership. Questo può essere un ottimo complemento se non hai ancora alcuna esperienza lavorativa.

5. Formazione

Nella sezione dedicata alla formazione dovresti includere dati come:

  • nome della scuola/università;
  • anno di diploma/laurea;
  • specializzazione;
  • titolo di studio.

I neolaureati possono anche inserire la loro media, le onorificenze e i premi, i soggiorni all’estero, la tesi o altri risultati degni di nota. L’importante è che questa sezione sia molto semplice, perché non occupi troppo spazio rispetto alla tua esperienza lavorativa.

scrivere al computer | CVing

6. Completare con le competenze e gli interessi

La sezione delle competenze di un curriculum ha una brutta fama, ma è importante quanto il resto delle cose che includi. È un elenco rapido che un selezionatore può scansionare per vedere se il tuo set di competenze è in linea con quello per cui sta assumendo.

Di solito questa sezione si trova in fondo al curriculum, ma in casi particolari, come nel caso di un curriculum basato sulle competenze o quando si cambia settore, si può collocare più in alto.

Cosa inserire esattamente in questa sezione?

Dovrai elencare tutte le competenze e le applicazioni con cui hai familiarità (Photoshop, SEO, JavaScript, per citare alcuni esempi) e, se pertinente, il tuo livello di competenza.

Evita di inserire qui le soft skills, come la gestione del tempo o il parlare in pubblico: lasciale per i punti elenco.

Inoltre, non elencare cose che in realtà non sei in grado di fare a un livello di competenza elevato (mi riferisco a coloro che dicono di essere “bravissimi” con Excel), e magari elimina le competenze che sono completamente irrilevanti per il lavoro che desideri. Ad esempio, potrebbe non essere necessario includere Excel se ti stai candidando per una posizione di design, a meno che non sia indicato come requisito di lavoro.

Per finire, non sottovalutare gli hobby.

Come, scusa, hai detto hobby?

Sì, esatto, aggiungere una sezione dedicata agli hobby in fondo al curriculum è sottovalutato, ma spesso è una scelta intelligente. Può essere un ottimo spunto di conversazione con un responsabile delle assunzioni e può dimostrare che sei in linea con la cultura dell’azienda. Inoltre, è un modo simpatico per aggiungere un tocco di personalità.

7. Modificare e perfezionare

Per favore, non spedire il tuo curriculum senza dargli una seconda occhiata.

I responsabili delle assunzioni non passeranno ore a sfogliarlo, ma se c’è una cosa che salta all’occhio più di ogni altra è un refuso o un errore grammaticale.

L’approccio migliore? Scrivere una bozza, mettersi a fare altro per distrarsi e tornare in seguito con ‘occhi nuovi’ per modificarla.

👉🏻Le informazioni di contatto sono corrette e aggiornate?

👉🏻Stai usando i giusti tempi verbali?

👉🏻Tutto appare coerente e accurato in termini di ortografia e grammatica?

Se il curriculum è piuttosto lungo, taglialo. Non è più una regola ferrea che tutti i curriculum debbano essere di una sola pagina, ma considerala una linea guida intelligente per la maggior parte dei candidati.

L’eccezione è rappresentata da chi è molto anziano o molto affermato nella propria carriera; in questo caso, un curriculum di due pagine non è del tutto fuori discussione.

Per quanto riguarda la formattazione, è fondamentale considerare un paio di cose. Innanzitutto, che tipo di carattere stai usando? È leggibile? In caso di dubbio, scegli una di queste opzioni semplici ma eleganti:

  • Arial;
  • Arial Narrow;
  • Calibri;
  • Cambria;
  • Garamond;
  • Helvetica.

In secondo luogo, hai intenzione di salvarlo come documento Word o PDF? Nessuna delle due opzioni è sbagliata, anche se un PDF garantisce il mantenimento della formattazione, indipendentemente dal tipo di computer utilizzato dal responsabile delle assunzioni per aprire il documento.

In terzo luogo, il tuo curriculum è formattato in modo da essere scorrevole?

Una volta che l’hai controllato per bene, può valere la pena inviarlo a un amico o a un collega per avere un secondo parere.

Leggi anche: Burnout sul lavoro: cosa fare per affrontarlo e tornare a essere produttivi

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto alcuni trucchetti per poter scrivere un curriculum che non passi inosservato agli occhi dei recruiter.

Seguendo questi consigli potrai realizzare un ottimo CV anche senza esperienza.

In bocca al lupo!

Share:

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp