Accedi

Curriculum senza esperienza: come scriverlo per farsi scegliere dai recruiter

Se hai aperto questo articolo significa che stai cercando informazioni che possano aiutarti a scrivere un curriculum capace di far colpo.

E sai qual è il rischio di chi, a differenza tua, si affida alla pura improvvisazione?

Il curriculum, insieme a tutte le speranze, finiscono dritti nel cestino. Niente colloquio, né tantomeno lavoro.

Senza contare che toppare con il proprio CV significa servire su un piatto d’argento il proprio posto a un altro candidato.

E tu non vuoi che questo accada, giusto?

Se la tua risposta è affermativa, sappi che in questo articolo troverai tutto ciò che serve per incominciare a scrivere un curriculum capace di farsi notare dal recruiter.

Hai già capito che questo articolo fa al caso tuo, vero?

Buona lettura.

Scrivere un curriculum senza esperienza: 9 consigli per farlo nel modo giusto

scrivere un curriculum senza esperienza

1. Includere un riepilogo del tuo CV

Se vuoi che il tuo curriculum catturi immediatamente l’attenzione del recruiter, un buon consiglio è scrivere una sintesi all’inizio della pagina.

Alcuni preferiscono concentrarsi sugli obiettivi che desiderano raggiungere, altri puntano a chiarire immediatamente qual è la loro figura professionale.

Quindi, una sintesi del curriculum riassume in 3-5 righe chi sei e quali sono i tuoi obiettivi. Riuscire a dare una buona impressione di te in questo spazio significa avere più possibilità che il responsabile delle assunzioni sia invogliato a continuare a leggere.

2. Decidere il formato del curriculum

Esistono alcuni modelli di curriculum dominanti oggi in uso:

  1. cronologico;
  2. funzionale;
  3. ibrido, che è una combinazione dei due.

Il primo elenca le esperienze lavorative del candidato in ordine cronologico inverso.

Il curriculum funzionale evidenzia le competenzesia hard che soft –  e i risultati del candidato, piuttosto che l’esperienza lavorativa. Sebbene questo formato formato possa essere un’opzione interessante per le persone in cerca di lavoro con poca (o nessuna) esperienza, la maggior parte dei potenziali datori di lavoro e responsabili delle assunzioni preferisce un formato di curriculum cronologico o ibrido.

Qualunque sia la tipologia di curriculum che deciderai di utilizzare, assicurati che il formato rimanga coerente in tutto il documento.

3. Attenzione ai dettagli tecnici (errori di ortografia anche no!)

Quando modifichi il curriculum, assicurati che non ci siano errori di punteggiatura, ortografici o grammaticali, o lo farebbero apparire poco professionale.

Poi fallo rileggere a un amico o a un familiare per cogliere eventuali errori che ti potrebbero essere sfuggiti.

Infine, assicurati di variare il linguaggio e di utilizzare verbi d’azione in tutto il curriculum per mantenere il lettore coinvolto.

4. Fai un bilancio dei successi e delle attività

Stila un elenco di tutto ciò che hai fatto e che potrebbe essere utile far presente in un curriculum.

A partire da questa lista, cerca di restringere il campo e ridurre all’essenziale: scegli di includere solo gli elementi più rilevanti e che sai potrebbero colpire il responsabile delle assunzioni.

Leggi anche: Guida agli sbocchi professionali per i laureati in economia e finanza nel 2022

5. Concentrati sulla formazione e sulle competenze che hai acquisito negli anni

Questa regola vale soprattutto se sei alla ricerca del tuo primo lavoro. Se non hai alcuna esperienza lavorativa, non significa che non abbia nulla da dire, giusto?

Ecco, crea una sezione dedicata all’istruzione, così da evidenziare le competenze spendibili sul mercato.

  • Cos’è che ti riesce meglio e che il recruiter dovrebbe sapere?
  • C’è qualcosa che hai appreso durante gli studi in grado di far emergere la tua candidatura?
  • Hai frequentato un master o la specialistica? Hai acquisito delle competenze utili per la posizione?

Non avere paura di riconoscere i tuoi meriti e i tuoi successi.

6. Stage, stage e ancora stage

Gli stage universitari, retribuiti o non retribuiti, all’estero o in Italia, sono una delle migliori armi contro la richiesta di esperienza.

Non solo ti offrono un’esperienza di lavoro reale, ma ti permettono anche di creare connessioni e aprire porte per un lavoro futuro. Se ti stai candidando per un lavoro senza esperienza, assicurati di elencare gli stage che hai svolto.

Se non ne hai mai fatto uno, prendi in considerazione l’idea di candidarti per un lavoro entry level.

7. Includi eventuali attività extracurriculari o di volontariato

La maggior parte dei datori di lavoro afferma di prendere in considerazione, oltre all’esperienza lavorativa retribuita, anche le esperienze di volontariato elencate nel curriculum.

Quindi, includi qualsiasi attività che metta in luce i tuoi talenti o in cui abbia imparato una nuova abilità.

E che dire di attività extrascolastiche e hobby? Sarebbe meglio inserirli solo se rilevanti per la posizione da ricoprire e se ti hanno fornito competenze trasferibili utili per il ruolo.

curriculum e colloquio di lavoro

8. Aggiungete una lettera di presentazione

Anche se spesso non è richiesta, è generalmente una buona idea inviare una breve lettera di presentazione o una lettera motivazionale insieme al curriculum.

Queste sono occasioni perfette per far emergere la tua personalità e dovrai sfruttarle al meglio. In sostanza, devi spiegare e convincere chi legge che sei il candidato perfetto per questo lavoro.

Contrariamente a ciò che potresti pensare, una lettera di presentazione che si distingue può convincere il datore di lavoro a chiamarti per un colloquio.

9. Personalizza il curriculum per ogni lavoro a cui ti candidi

L’ultima cosa, ma non per questo meno importante: ricorda di personalizzare il tuo curriculum per ogni lavoro per cui ti candidi.

Esatto, hai letto bene.

I diversi annunci di lavoro avranno diverse mansioni, responsabilità e requisiti. Fare appello alle esigenze di ogni singolo datore di lavoro è la strategia migliore per far notare la tua candidatura e, auspicabilmente, ottenere il lavoro.

Leggi anche: Come diventare commercialista: quale laurea è richiesta e qual è l’iter per svolgere questa professione

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto come scrivere un curriculum senza esperienza, partendo dalle basi.

C’è da dire però che, in fin dei conti, non esiste una formula magica per scrivere un curriculum vincente: l’unico curriculum perfetto è quello che ti farà ottenere la posizione.

Non avere paura di modificare e aggiornare spesso il curriculum. Utilizza un formato che ritieni adatto e concentrati sulle tue competenze e sulla tua formazione (specie se non hai alcuna esperienza lavorativa da mostrare).

Prima o poi riuscirai a trovare quel lavoro e ad acquisire la tanto agognata esperienza.

Share:

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp