Accedi

Minimalismo digitale: le regole per ritornare a ritmi di vita più sereni

Ogni giorno veniamo bombardati da stimoli e informazioni a causa del nostro cellulare il che, alla lunga, può causare stress, ansia sociale e altre patologie molto serie.

Ecco perché è necessario fermarsi un momento e concedersi ritmi di vita più lenti.

Sì, ma come?

In questo articolo vedremo alcune delle principali regole del minimalismo digitale per raggiungere questo scopo.

Hai già l’impressione che questo articolo faccia al caso tuo?

Iniziamo subito!

Minimalismo digitale: quattro regole per vivere meglio (e più serenamente)

minimalismo digitale regole

Che cos’è lo stile di vita minimalista e cosa si intende con minimalismo digitale

Vivere in modo minimalista significa vivere con meno. Con quello che serve e basta.

L’obiettivo? Pace e ordine in casa e nella testa.

Con un’attenzione sempre maggiore alla salute mentale e alla sostenibilità, il progetto era in fermento da anni, ma solo nel 2015 ha avuto un vero e proprio boom. Questo è dovuto anche a Marie Kondo, che ha trasformato il minimalismo in uno stile di vita popolare da un giorno all’altro. La regina del riordino è diventata di fatto famosa per la sua serie Netflix che illustra il metodo Konmari.

Il suo scopo principale?

Gettare via quello che non serve, organizzare bene gli armadi e scegliere le cose che ci stanno a cuore.

Con minimalismo digitale, invece, ci spostiamo sul lato tecnologia.

I device come smartphone e tablet, ci permettono di trascorrere sempre più tempo online. Ma mentre lo facciamo, molti di noi iniziano a sentirsi a disagio per questa persistente ‘insinuazione digitale’.

Cominciamo a sentirci un po’ inquieti per il tempo che passiamo a fissare gli schermi, e quindi iniziamo a mettere in discussione l’assunto che un flusso costante di tecnologia sempre più crescente nelle nostre vite sia una cosa effettivamente positiva.

In risposta a questo vago senso di malessere tecnologico, molti di noi stanno cercando un modo per pensare in modo diverso alla tecnologia e al nostro rapporto con essa.

E c’è la sensazione che forse il minimalismo sia il punto di partenza.

Vediamo dunque quattro regole per approcciarsi a questa nuova tendenza.

Leggi anche: Cos’è il career break e perché fare una pausa prima di tornare nel mondo del lavoro

1. Utilizzare meno il cellulare durante il giorno

Chi di noi ha vissuto una parte significativa della propria vita senza telefono cellulare sa cosa significa e può ancora fare un confronto. Tuttavia, le generazioni più giovani sono nate con uno smartphone, per così dire, e non possono nemmeno immaginare una vita senza.

Inutile negare che è uno strumento estremamente utile che ci facilita la vita in molti modi e, paradossalmente, uno degli aspetti più interessanti è il suo carattere minimalista: avere tutto in uno.

In che senso?

Fino a non molto tempo fa, avevamo diversi dispositivi per quello che oggi sta in un cellulare: telefono, fotocamera, gps, agenda, libri, mappe, guide di ogni tipo, ecc.

D’altro canto, però, lo smartphone rischia di diventare un oggetto che crea dipendenza, senza il quale molte persone non possono uscire di casa.

In questo senso, è stato addirittura coniato il termine nomofobia (no-mobile-phone phobia), ovvero la dipendenza dal cellulare portata all’estremo.

Abbiamo relegato troppe cose al nostro santo cellulare e non c’è da stupirsi se il cervello si atrofizza per mancanza di utilizzo.

Quindi, la prima cosa da fare è essere onesti con sé stessi: quante volte al giorno controlli il tuo telefono?

Se dunque la tua risposta è “più di quanto dovrei”, ecco alcuni consigli per diventare padroni del proprio tempo:

  • disattivare tutte le notifiche. Il motivo è semplice: bisogna smettere di vivere al ritmo degli altri, ergo non è necessario rispondere immediatamente a tutto e a tutti. Stabilisci i tuoi limiti e non lasciarti sopraffare dalle aspettative degli altri, rispetta prima di tutto il tuo essere e il tuo tempo. Se però ti sembra troppo drastico, limita le notifiche a un certo numero e a certe persone, come quelle dei figli o del tuo partner.
  • Scegli determinati momenti della giornata per controllare il telefono. Scherzi a parte, il mondo non finisce perché si smette di guardarlo compulsivamente per tutti i motivi spiegati nel punto precedente.
  • Controlla tutte le applicazioni che avete scaricato: le usi davvero tutte? Cerca di ridurle all’essenziale.
  • Fai pulizia sui gruppi Whatsapp. Scommettiamo che la maggior parte di loro non ti apporta alcun contributo? Siamo onesti: questa tendenza all’iperconnessione è estenuante. Ok, rimanere in contatto con le persone care che vivono lontano è fantastico, ma fai attenzione a non staccarti troppo dalla vita reale.

Grazie a questi gesti guadagnerai non solo tempo, ma anche attenzione e concentrazione.

2. Controllare le e-mail solo una volta ogni tot

Per tutti coloro che hanno conosciuto la vita lavorativa con un fax sanno bene che l’avvento della posta elettronica sembrava rivoluzionario ed eccitante, così veloce e così poco dispendioso in termini di tempo!

La realtà è che è diventato un altro di quegli strumenti che sembrano aver preso il sopravvento sulle nostre vite.

Ecco dunque alcuni consigli per gestire la propria casella di posta al meglio:

  • controllare le e-mail solo due volte al giorno e dal proprio computer (per esempio a mezzogiorno e alla sera); se possibile, meglio non iniziare la giornata leggendo la posta, per quello che abbiamo detto prima: non vogliamo più vivere al ritmo degli altri, ma al nostro;
  • fare in modo che la casella di posta sia sempre vuota o che ci siano solo e-mail non lette: se ci vuole meno di un minuto per rispondere, lo si fa al volo e lo si archivia; se invece ci vuole più di un minuto, lo si programma e lo si archivia;

Il punto è trovare la propria strada, mantenerla il più semplice possibile e rispettarla.

In questo modo aumenterà non solo il tempo a disposizione per altre cose, ma anche la soddisfazione personale, l’autostima e la tranquillità.

ragazza usa il telefono in accappatoio sul divano

3. Social media: anche meno!

Hai mai calcolato quanto tempo passi sui social network? Si dice che la media giornaliera sia di circa due ore al giorno!

Cosa faresti se ti venissero concesse due ore in più al giorno?

Per coloro che lavorano online potrebbe essere diverso, perché vogliono essere presenti il più possibile, in modo che il loro messaggio raggiunga il maggior numero di persone possibile.

Ma se utilizzi le reti per svago, socializzazione o ispirazione, va bene, purché non sostituiscano le relazioni reali e autentiche e non dominino il tuo tempo libero.

  • Pensa se ti piacerebbe dedicare quel tempo a cose più soddisfacenti. E se sì, quali sarebbero queste cose? Fai un elenco e programma i tempi di esecuzione.
  • Può anche essere una buona idea limitarsi a una o due reti e scartare le altre e, se possibile, rimuovere le app dal telefono.
  • Come abbiamo fatto con le e-mail, decidi quanto tempo al giorno vuoi dedicare alle reti e fallo solo all’ora stabilita in precedenza.

4. No schermi a letto

Questo è il più difficile per la maggior parte delle persone.

Una volta a letto la sera, preferiamo rilassarci con il nostro cellulare piuttosto che con un libro, ma prima che ce ne rendiamo conto, è già trascorsa un’ora e mezza.

In questo modo si va a dormire più tardi e si finisce per dormire poco.

Perché?

In sostanza il corpo viene confuso dalla luce blu che riceve e il cervello pensa che sia giorno e rimane attivo. Per essere più specifici il corpo smette di produrre la melatonina, sostanza che induce il nostro sonno.

Insomma, già a volte è complicato addormentarsi a causa dei pensieri, figuriamoci se usiamo il cellulare.

E che dire del risveglio?

Al mattino suona la sveglia e si prende il telefono per spegnerlo. Spesso, poi, si controlla subito il proprio Instagram per vedere se si è perso qualcosa in quelle ore di sonno.

Questo è un brutto inizio di giornata.

Non hai fatto nemmeno in tempo ad aprire gli occhi che già hai ricominciato a scorrere il feed senza pensieri. Invece, dovresti iniziare bene la giornata con un bel bicchiere d’acqua o una passeggiata con il cane.

Come si può affrontare questa regola? Ecco alcuni suggerimenti:

  • compra una sveglia vecchio stile da spegnere la mattina;
  • allontana il telefono, mettilo sul tavolo della stanza o nel cassetto del comodino. In questo modo, riduci la tentazione di controllarlo a letto.

Leggi anche: Come funzionano i programmi di referral per le aziende

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto cosa si intende per minimalismo digitale e come ridurre al minimo le distrazioni sul cellulare, sul pc e sul tablet.

In questo modo potrai vivere una vita più serena, senza ricevere bombardamenti di informazioni e stimoli ogni secondo.

In bocca al lupo!

Share:

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp