Accedi

Come mantenere la concentrazione? 7 tecniche (efficaci) per allenare la mente e rinforzare la memoria

Che si tratti di un lavoro che ti appassiona o di uno del quale faresti a meno, è umanamente impossibile mantenere un alto livello di concentrazione costante.

Certo, se svolgi un’attività che ti gratifica, la strada è indubbiamente più in discesa, ma è difficile non fare a meno di qualche distrazione. E ci sta.

Quando le pause, però, diventano troppe, le scadenze si accumulano e procrastinare sembra una bella soluzione – anche se questo vuol dire mandare il lavoro a monte –, allora c’è un problema da risolvere in fretta.

Ecco perché in questo articolo vedremo come rimanere più concentrati a lavoro e allenare la memoria grazie a 7 pratici consigli.

Lavoro non ti temo: ecco come rimanere concentrati e rispettare tutte le scadenze (senza uscire fuori di testa)

#1 Gioca d’anticipo: pianificare prima per essere più sereni dopo

Pianificare la tua giornata lavorativa è sicuramente un ottimo modo per iniziare al meglio la settimana in ufficio.

Sapere di avere tutto sotto controllo significa essere meno stressati e avere un metodo di lavoro infallibile.

Tu adesso dirai “facile a parole”… Quindi, passiamo all’atto pratico.

Ogni giorno, prima di iniziare a lavorare, prendi nota dei compiti che hanno priorità assoluta e che devono essere portati a termine entro la fine della giornata, così da non dimenticare niente.

Extra tip: dai la precedenza a ciò che richiederà un maggiore dispendio di energia. Per intenderci, sbarazzati dei compiti pesanti al mattino, e lasciati quelli meno impegnativi alla sera.

Stabilisci il tempo che impieghi per svolgere ogni task e pianifica nel dettaglio, pause incluse.

Se la lista di cose da fare è strapiena, non andare nel panico! Questo è uno degli errori più comuni che fa perdere immediatamente la concentrazione.

Così facendo, inizierai a pensare “e adesso come faccio a finire tutto? Riuscirò a rispettare le scadenze? Forse è meglio saltare la pausa pranzo…”.

Ecco, tutti questi pensieri sono spazzatura, e devi sbarazzartene quanto prima. Smetti di guardare il quadro completo e concentrati sui singoli compiti volta per volta.

agenda per organizzare la settimana lavorativa, smartphone, tazza di caffè e occhiali da vista su una scrivania

#2 Prenditi delle pause ⏰

Il cervello non è in grado di lavorare per 8 ore di fila: ha bisogno di un po’ di tempo per riprendersi.

Dato che non siamo delle macchine, è opportuno stabilire delle pause piuttosto che sentirsi sopraffatti da molteplici idee e pensieri.

Un metodo che molti considerano efficace è la Tecnica del Pomodoro, secondo la quale si programmano delle pause precise a intervalli regolari.

Durante questi minuti libera la mente, fai una passeggiata, prendi un caffè mentre chiacchieri con un collega, o controlla le notifiche.

Come abbiamo detto nel precedente paragrafo però, non è possibile lavorare a pieno ritmo senza una pianificazione.

Le pause devono essere funzionali per riprendersi dopo un duro lavoro, non una mera scusa per procrastinare e rimandare i compiti.

Leggi anche: Sì, possiamo davvero sconfiggere l’ansia da prestazione lavorativa! Ecco come

#3 Riduci le distrazioni 📲

Lo smartphone è sicuramente la peggiore fonte di distrazione.

Controlliamo le chiamate, i messaggi, le notifiche… troppo spesso!

Fai caso a quante volte prendi in mano il cellulare: se ti rendi conto di farlo troppo di frequente, riduci gradualmente i tempi morti che passi a scrollare la home di Instagram o a controllare la casella di posta.

Se poi la vibrazione del cellulare diventa una tentazione irresistibile, prova a silenziare le notifiche.

#4 Organizza la scrivania e scegli una sedia comoda (sì, hai letto bene)

Per organizzare i pensieri e concentrarsi su un unico compito, è necessario un ambiente di lavoro che favorisca questo tipo di chiarezza.

Cerca di mantenere la scrivania in ordine e organizza il desktop del computer. Vedrai che riporterai lo stesso ordine anche nella tua mente, e ti sentirai meglio.

Per mantenere alta la concentrazione, puoi anche decidere di posizionare un monitor di grandi dimensioni sul desk. In questo modo eviterai:

  • di sforzare la vista a causa di uno schermo troppo piccolo;
  • di distrarti dai movimenti dei tuoi colleghi.

E che dire della sedia?

Può sembrare banale, ma una seduta comoda fa un’enorme differenza nelle prestazioni lavorative.

Pensaci: lavorare con il mal di schiena non aiuta di certo a concentrarsi, giusto?

Per questo, scegliere la sedia da ufficio giusta è fondamentale, perché sostiene la schiena e favorisce una buona postura.

#5 Vietato procrastinare ❌

Quando lavoriamo senza uno scopo tendiamo a procrastinare. Ecco perché trovare l’ispirazione è fondamentale.

Perché stai lavorando a questo compito? È solo perché il capo ti ha detto di farlo o perché ha un effetto positivo sulla tua carriera?

Lavorare passivamente e senza entusiasmo potrebbe ridurre il tuo livello di concentrazione. Invece, essere costantemente motivati ti renderà più ottimista sul risultato e aumenterà la tua soddisfazione.

Ma come fare?

Per avere questo mindset positivo e proattivo, bisogna entrare nel ‘flusso’.

Prima di storcere il naso perché credi che stiamo andando a parare verso questioni filosofiche, aspetta un secondo.

Il ‘flusso’ (in inglese ‘flow’) è uno stato mentale in cui ci sentiamo completamente impegnati, eseguiamo i compiti senza sforzo e raggiungiamo il massimo delle nostre prestazioni.

È stato scoperto recentemente da alcuni ricercatori dell’Università di Chicago e pare che possa essere migliorato rafforzando la nostra capacità di attenzione.

Quindi, per entrare in questo mood di alta concentrazione, prova a entusiasmarti per il compito da svolgere e a catalizzare tutte le energie su ciò che fai.

In ogni caso, vale la pena provare.

ragazza al lavoro mentre fa una pausa

#6 Organizza il tempo ⌛️

Invece di affrontare un mega compito, suddividilo in mansioni più piccole che sai di poter portare a termine in meno di un giorno.

Portare qualcosa a compimento regala sempre un po’ di gratificazione e ci fa sentire più energici.

Non ha senso stabilire degli obiettivi irraggiungibili: conosci le tue capacità e i tuoi limiti, quindi fissa dei goal realistici a cui sai di poter arrivare.

#7 Conduci uno stile di vita sano

Tu adesso dirai “sì, ma che c’entra con il lavoro?”. E noi ti rispondiamo subito.

In primis, cerca di limitare la caffeina. Un caffè al giorno può andar bene, ma evita gli eccessi.

In caso contrario, potresti soffrire di vertigini e insonnia: in altre parole, addio concentrazione. Prova a bere più acqua invece, così da mantenere il tuo corpo idratato e sano.

Come saprai, per rimanere concentrati, il cervello e il corpo devono essere in ottima forma.

Cerca di fare esercizio fisico regolarmente: oltre ai numerosi benefici per la salute, l’attività fisica rende più attivi, più felici, migliora il sonno, aumenta la libido e fa sentire meglio con il proprio corpo.

Leggi anche: Master o magistrale per trovare lavoro? 5 dritte per i neolaureati

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto 7 consigli da applicare per migliorare la concentrazione e la memoria a lavoro.

Se questi sono due aspetti sui quali devi lavorare, all’inizio potrà sembrare complicato, ma con il tempo ti verranno automatici.

Se invece quello che cerchi è un nuovo lavoro, CVing ha la soluzione che fa al caso tuo.

Grazie a questa piattaforma, potrai confrontare numerosi annunci e selezionare quelli che rispettano le tue esigenze. Scopri i lavori più attinenti al tuo profilo lavorativo sostenendo il test della personalità, e incontra i job recruiter ovunque ti trovi grazie ai colloqui on demand.

Fai l’upload del tuo curriculum e inizia la tua ricerca ora!

Share:

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp