Accedi

Retail e e-commerce: è stato trovato un punto d’incontro tra queste due tipologie di vendita?

Con l’arrivo della pandemia più di due anni fa, sempre più persone si sono ritrovate a effettuare ordini dal proprio smartphone o laptop per limitare le uscite.

Probabilmente, alcuni hanno constatato i benefici degli acquisti online proprio in questa occasione, mentre altri non potrebbero farne a meno da diversi anni.

Inutile dirlo, ma il mondo dello shopping è cambiato.

Oggi le persone possono accedere a un maggior numero di informazioni, possono confrontare i prezzi, leggere le recensioni ed effettuare richieste di reso.

Diciamocelo: gli e-commerce presentano numerosi vantaggi.

Forse è proprio questo che ha portato a credere che la vendita ‘tradizionale’ finirà, prima o poi, nel dimenticatoio. Un po’ come quando nacquero i grandi centri commerciali ai danni dei negozietti di quartiere.

Eppure, in questo articolo vedremo che non è così che stanno le cose ma che, anzi, la situazione è ben diversa da quel che sembra.

Retail vs e-commerce: la rapida evoluzione del mondo degli acquisti

ragazza effettua acquisti online

Vendita al dettaglio e e-commerce: qual è la vera differenza?

Se vogliamo farla semplice, vendita al dettaglio e e-commerce sarebbero, in realtà, abbastanza simili: entrambi si riferiscono a ciò che accade quando un prodotto di un’azienda viene venduto a un singolo consumatore per uso personale, solo che uno dei due avviene esclusivamente attraverso Internet.

La vendita al dettaglio può essere effettuata in diversi modi:

  • presso un negozio fisico (come un centro commerciale o un negozio di alimentari);
  • online;
  • con vendite da persona a persona;
  • per corrispondenza.

Con il termine e-commerce, invece, ci si riferisce alle transazioni commerciali effettuate principalmente per via elettronica attraverso Internet.

Oggi molti commercianti si collocano a metà strada tra l’uno e l’altro.

Infatti, la vendita ‘tradizionale’ è viva e vegeta e, probabilmente, esisterà sempre. Proprio per questo molti esercizi non hanno rinunciato al retail, ma l’hanno ‘arricchito’ con l’aggiunta di un e-commerce.

Alcuni esempi? Ikea, Flying Tiger Copenhagen o Walmart.

Per ognuno di questi negozi è possibile acquistare tramite i loro siti web online, o recarsi presso la struttura fisica più vicina.

Sebbene lo shopping online sia popolare e il numero di acquisti sia in costante aumento nel tempo, ciò non significa che i centri commerciali, i negozi di alimentari e i minimarket, stiano diventando obsoleti.

Al contrario, entrambi i mezzi sono ancora fiorenti.

Semplicemente, le abitudini di acquisto del mondo sono cambiate, portando a un futuro in continua evoluzione grazie alla tecnologia.

Ma c’è da dire una cosa: nonostante ci sia un grande ‘hype’ attorno alla vendita online – vuoi per i numerosi vantaggi, vuoi per il fattore novità – la sua incidenza non è poi così forte come molti credono.

Secondo alcuni dati raccolti, nel periodo tra luglio e agosto del 2019, le vendite online hanno rappresentato poco più del 10%.

Quindi c’è davvero da chiedersi: retail e e-commerce troveranno un punto di incontro, o finiranno per cannibalizzarsi a vicenda?

Leggi anche: Come mantenere la concentrazione? 7 tecniche (efficaci) per allenare la mente e rinforzare la memoria

L’evoluzione degli acquisti: i vantaggi dello shopping online

Sarebbe inutile dire che il mondo degli acquisti è cambiato in maniera sconvolgente negli ultimi decenni.

Questa efficienza rende lo shopping online attraente per molti acquirenti.

Le ragioni? Beh, sono molteplici.

Uno dei vantaggi più evidenti è che gli acquirenti hanno accesso a più informazioni prima di effettuare l’acquisto.

Con questo non vogliamo dire che i venditori siano figure obsolete di cui possiamo fare completamente a meno.

Per chiarire meglio, ora i clienti possono:

  • cercare prodotti e altri articoli online;
  • leggere recensioni;
  • confrontare prezzi;
  • trovare il negozio più vicino (o scegliere il miglior rivenditore online);
  • effettuare l’acquisto.

Tutto questo dal proprio smartphone, laptop o tablet, comodamente da casa.

Dunque, la facilità di accesso è uno degli aspetti più vantaggiosi dell’acquisto online.

Ma non è tutto.

Gli acquirenti possono seguire le spedizioni, trovare le date di consegna stimate e persino elaborare i resi.

Vista così sembra una situazione d’allarme per la vendita ‘tradizionale’. Eppure, non è tutto oro quel che luccica.

famiglia fa la spesa in un supermercato

Retail e e-commerce non sono perfettamente sovrapponibili

Come abbiamo anticipato, e-commerce e retail non sono esattamente compatibili.

E non solo dal punto di vista dell’offerta proposta, ma anche dell’esperienza del cliente.

Al momento, beni come gli alimentari o il carburante difficilmente possono essere acquistati online.

Per intenderci, la maggior parte degli italiani continua a fare la spesa e a rifornire la propria auto dal benzinaio.

E che dire del mondo di bar e ristoranti? Qui entra in gioco l’esperienza del cliente, che diventa perno indiscutibile.

Poi tu adesso dirai, “sì, però è possibile ordinare del cibo da apposite app e farselo portare a casa da un rider”.

Ci sta, te lo concediamo. Ma, per il momento, il mondo digitale ha ancora un ruolo abbastanza marginale nella ristorazione.

Nonostante ciò, alcuni grandi e-commerce si sono mobilitati per colmare questo gap. È il caso di Amazon, che nel 2018 ha aperto il suo primo Amazon Go Grocery a Seattle, nel quale è possibile acquistare prodotti alimentari senza dover avere alcun contatto con le casse tradizionali.

Quindi, se vogliamo fare il punto della situazione, e-commerce e retail non devono essere visti come due mondi in guerra, bensì come due alleati.

L’iniziativa di Amazon è un esempio calzante: non si dovrà abbandonare la realtà fisica, ma la si dovrà solo ‘arricchire’ grazie al digitale.

Alla fine, uno degli obiettivi è migliorare qualitativamente la customer experience, no?

Leggi anche: Sì, possiamo davvero sconfiggere l’ansia da prestazione lavorativa! Ecco come

Conclusioni

Questo articolo aveva l’obiettivo di illustrare la situazione odierna di due mondi in apparente competizione: quello del retail e quello degli e-commerce.

Vero è che l’acquisto online sta diventando sempre più popolare tra gli italiani, ma la strada da percorrere sembra essere ancora lunga.

Nel frattempo, diverse aziende si stanno adoperando per offrire i propri servizi sia presso i negozi fisici che online; il che permetterà di offrire maggiori posti di lavoro a più persone.

A questo proposito, se sei alla ricerca di un impiego, la nostra azienda ha la soluzione per te.

CVing è la platform experience che aiuta migliaia di persone a trovare l’offerta più adatta al loro profilo lavorativo. E siccome siamo in tema di digitalizzazione e servizi online, noi offriamo la possibilità di affrontare i colloqui online, grazie alla nostra modalità innovativa di video intervista.

In questo modo, la distanza non sarà più un problema, e potrai metterti in contatto con i job recruiter di tutta Italia!

Che cosa aspetti?

Fai l’upload del tuo curriculum, e inizia subito la tua ricerca!

Share:

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp