Accedi

Generalista o specialista: quale strada intraprendere?

Desideri costruire una carriera professionale ma non sai se puntare sulla profondità o sull’ampiezza delle conoscenze?

La scelta tra l’essere generalista o specialista è fondamentale per capire come muoversi nel mondo del lavoro, e per farlo è opportuno considerare tutti i pro e i contro.

Ti stai domandando quali siano?

In questa guida analizzeremo entrambe le figure, valutando vantaggi e svantaggi di ognuna per aiutarti a capire qual è la strada più giusta per te.

Generalista o specialista? Questo è il dilemma

posto di lavoro

Partiamo dalle basi: definizione di generalista e specialista

Un generalista è una persona che conosce molti argomenti e ha diversi interessi, abilità e hobby.

Le persone che ricoprono ruoli di leadership possono essere generaliste, in quanto svolgono più compiti, a volte in più reparti.

Un esempio?

Un veterinario può essere un generalista che si occupa di più animali e ha un’ampia conoscenza delle varie specie.

Uno specialista, invece, è un esperto in un determinato campo di studi, occupazione o pratica.

Queste persone si concentrano su una determinata area o argomento e sviluppano una comprensione in una nicchia specifica.

Le aziende possono assumere specialisti per guidare progetti con nuovi processi o sviluppi tecnologici.

Per ricollegarci all’esempio di poco fa, possiamo definire specialista un veterinario marino che si occupa specificamente di vita acquatica e concentra la propria area di studio sulle creature marine, piuttosto che sulle varie specie.

Ancora più specifico potrebbe essere un veterinario che lavora esclusivamente con i delfini per comprendere tutte le loro esigenze individuali in termini di alimentazione, cure mediche ed esercizio fisico.

Quindi, qual è la strada migliore da scegliere?

Le aziende di successo possono avvalersi sia di generalisti che di specialisti per svolgere le loro attività quotidiane.

Tieni presente che le due figure si differenziano per la vastità delle conoscenze necessarie a lavorare sia su progetti su larga scala che su quelli più intricati.

Per facilitare la comprensione delle due figure, vediamo gli elementi che li contraddistinguono.

#1 Livello di conoscenza

Gli specialisti hanno una conoscenza approfondita di una determinata area di contenuto, mentre i generalisti hanno un ambito di conoscenza più ampio all’interno del proprio settore o tra le varie discipline.

Chi si specializza in una materia può concentrare tutte le proprie energie nell’apprendimento e nell’aggiornamento della stessa.

Nel frattempo, un generalista apprende varie competenze che possono essere applicate in diversi campi.

Ad esempio, un generalista può apprendere competenze in materia di SEO, copywriting e gestione dei social media, da utilizzare in più settori come il marketing o lo sviluppo aziendale.

Al contrario, un copywriter tecnico può concentrarsi sui dettagli specifici della scrittura di tecnologia, hardware e sistemi.

#2 Vendibilità

Le piccole aziende possono assumere un generalista per beneficiare della sua ampia gamma di competenze, piuttosto che assumere uno specialista per ogni compito.

Tuttavia, le organizzazioni possono assumere uno specialista per un lavoro intricato che richiede molte competenze specialistiche.

Per esempio, se qualcuno sta ristrutturando una cucina, può chiamare un piastrellista per aggiornare i piani di lavoro, piuttosto che affidarsi a un appaltatore generale per completare questo compito.

#3 Progressività

Le aziende che subiscono rapidi cambiamenti nello sviluppo o nella produzione possono rivolgersi agli specialisti per creare nuove idee.

Essendo sempre in fase di miglioramento e di apprendimento nel loro settore, gli specialisti possono essere più progressisti dei generalisti.

Data la natura complessa del loro lavoro, gli specialisti possono lavorare meglio quando il ritmo di lavoro cambia nel tempo.

Al contrario, poiché utilizzano più competenze ogni giorno, i generalisti possono trarre vantaggio dal mantenere un ritmo di lavoro relativamente stabile e prevedibile per rimanere efficienti.

#4 Competenze trasferibili

Poiché i generalisti dispongono di una vasta gamma di conoscenze, le loro competenze sono più trasferibili tra i vari lavori.

Ad esempio, l’assistenza ai clienti, la comunicazione verbale e scritta o altre competenze trasversali possono aiutarti ad avere successo in qualsiasi posizione in qualsiasi settore.

Al contrario, gli specialisti possono avere competenze per un lavoro specifico: ad esempio, un chirurgo cardiovascolare può apprendere tecniche specifiche per condurre un intervento al cuore che sono utili per la sua specialità, ma che potrebbero non essere trasferite a un altro settore o addirittura a un’altra disciplina chirurgica.

Leggi anche: Prima esperienza lavorativa? Consigli ed errori da evitare per viverla serenamente

Pro e contro dell’essere generalista

Essere un generalista può essere sia gratificante che impegnativo, a seconda dei requisiti specifici del lavoro e del settore.

Ecco dunque alcuni vantaggi.

✅Collegamenti con i reparti: avere una vasta gamma di conoscenze aiuta a vedere le connessioni tra i vari reparti e a trovare soluzioni che vadano a beneficio dell’intero team o reparto.

✅Flessibilità di carriera: un’ampia conoscenza e il possesso di molte competenze possono offrire l’opportunità di intraprendere diverse carriere e aiutare a non annoiarsi nello svolgimento di un unico compito. Abilità come la risoluzione dei problemi e la comunicazione sono utili nella maggior parte dei settori.

✅Adattabilità: avendo molte competenze ed esperienze, i generalisti possono essere più vendibili per le aziende e in grado di passare facilmente da una mansione all’altra.

Ecco invece alcuni svantaggi del diventare un generalista.

❌Validità: poiché non sono esperti in un campo o in un’abilità particolare, può essere più difficile per i generalisti dimostrare il proprio valore all’interno di un’azienda, soprattutto se altamente tecnica. Tuttavia, un lavoratore può farsi conoscere mostrando il vantaggio di possedere molteplici competenze e conoscenze.

❌Mancanza di sicurezza del lavoro: sostituire un generalista può essere tendenzialmente ‘più facile’ che trovare un nuovo specialista, poiché le sue competenze non sono così uniche. Tuttavia, trovare un lavoro può essere più facile e veloce per i generalisti.

❌Esaurimento: i generalisti possono affaticarsi facilmente nella loro posizione se utilizzano spesso più competenze in una varietà di compiti. La scelta di una posizione con aspettative chiare e coerenti può aiutare a prevenire il burnout.

Pro e contro della specializzazione

La scelta di diventare uno specialista può comportare una serie di opportunità e sfide.

Cominciamo dai vantaggi.

✅Una retribuzione migliore: gli stipendi degli specialisti possono essere più alti grazie alla loro formazione e alle loro qualifiche.

✅Meno concorrenza: a volte, se ci sono meno persone specializzate in un’area specifica, ci sono meno concorrenti sul mercato del lavoro.

✅Conoscenza specifica dei contenuti: continuare a concentrarsi su un’area di studio o di pratica può consentire di comprendere ogni aspetto e di capire più rapidamente gli sviluppi del settore.

E per finire, diamo un’occhiata ai principali svantaggi dell’essere uno specialista.

❌Potenziale obsolescenza: chi si specializza in un lavoro rischia di essere sostituito da altri mezzi, come la tecnologia, e di dover trovare un percorso di carriera alternativo.

Ad esempio, coloro che un tempo lavoravano come centralinisti hanno dovuto trovare un nuovo lavoro dopo l’invenzione dei centralini automatici. Tuttavia, gli specialisti possono scegliere di lavorare nei settori della progettazione o dello sviluppo per creare nuove tecnologie piuttosto che essere sostituiti da esse.

❌Inflessibilità della carriera: poiché gli specialisti hanno competenze e conoscenze molto specifiche, può essere difficile per loro trovare posizioni aperte o lavori al di fuori del loro campo originario. Tuttavia, una volta trovata una posizione, possono mantenerla per molti anni o per tutta la loro carriera.

gruppo di lavoro in meeting

Come decidere se diventare un generalista o uno specialista

È possibile decidere se concentrarsi su una o più aree di competenza dopo aver valutato le proprie preferenze e caratteristiche personali.

Ecco alcuni passi da compiere per decidere se essere un generalista o uno specialista.

1. Valutare i propri interessi

Una volta scoperto l’argomento che ti interessa per la tua futura carriera, valuta se:

  1. desideri restringere il campo d’azione a una nicchia;
  2. preferisci concentrarti su un’area più ampia.

Ad esempio, uno scrittore può valutare se vuole affrontare una varietà di argomenti o scrivere per una nicchia specifica, come la scrittura tecnica.

2. Valutare la propria dedizione

Può sembrare banale ma non lo è: chiederti se il percorso di carriera che hai scelto sia qualcosa che ti piacerà anche tra qualche anno può aiutarti a compiere la scelta più giusta.

Specializzarsi in un determinato settore è un impegno, ma può ripagare se è qualcosa che piace.

Chi non è sicuro di quello che gli interessa può prendere in considerazione qualcosa di più generale e specializzarsi in seguito.

3. Considerare la profondità rispetto all’ampiezza

Al momento di scegliere tra un ruolo generalista e uno specialistico, valuta se apprezzi di più la profondità o l’ampiezza delle conoscenze.

Lo ribadiamo un’ultima volta: in qualità di specialista, sarai in grado di conoscere a fondo un argomento, mentre una posizione generalista ti consente di studiare più argomenti, o un’ampiezza maggiore.

Leggi anche: Il digital detox come cura alla dipendenza dal mondo digitale

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto la differenza tra un lavoratore generalista e uno specialista.

Analizzando i pro e i contro di ciascuna posizione, speriamo di essere riusciti a fornirti i giusti consigli per scegliere la strada che fa per te.

Alla prossima! 👋🏻

Share:

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp