Accedi

Come richiedere un tirocinio universitario e renderlo efficace per la propria formazione

Sei a buon punto con gli esami e desideri accumulare crediti per la tua domanda di laurea?

Il tirocinio universitario è sicuramente una carta da giocare per accumulare esperienza e iniziare a fare conoscenza tra le aziende del settore di tuo interesse.

Sì, ma come fare? 🫠

Sappiamo che la burocrazia è spesso una bella gatta da pelare (e tanto snervante quanto macchinosa), ma niente panico: in questo articolo vedremo come richiedere l’attivazione del tirocinio senza commettere i soliti errori.

Iniziamo!

Tirocinio universitario: questa la procedura per attivarlo correttamente

come richiedere tirocinio universitario | CVing

Stage o tirocinio universitario? Facciamo chiarezza

Stage, tirocinio, internship, placement… che confusione! 🤯

Probabilmente ti sarà capitato di sentirli nominare tutti quanti, a volte addirittura utilizzati come sinonimi, giusto?

Ecco, partiamo da questo: ci sono delle sottili differenze ma che bisogna tenere presenti.

Mentre lo stage o internship è un periodo in cui uno studente o lavoratore si dedica a un’attività volontariamente, il tirocinio (placement) è obbligatorio: il lavoratore intraprende un periodo di formazione all’interno di un’azienda con l’obiettivo di essere poi assunto.

In ambito universitario, invece, esistono dei ‘tirocini’ curricolari: li virgolettiamo perché, in realtà, si tratta di percorsi obbligatori ai fini della laurea. Per esempio, per laurearsi come infermiere, è obbligatorio svolgere un certo numero di ore di tirocinio. Tuttavia, ci sono poi dei tirocini extracurricolari che possono essere svolti a discrezione degli studenti, senza i quali si può comunque conseguire il titolo di studio.

Quindi, se vogliamo essere più precisi, nel nostro caso ci riferiamo a uno stage universitario.

Fatta questa premessa, cerchiamo di capire come richiederlo correttamente.

Leggi anche: Qual è il periodo migliore per cercare lavoro?

Richiesta di stage universitario: questa la procedura da seguire

Lo svolgimento degli stage universitari è normato dal decreto ministeriale n. 142/1998 e dai vari Regolamenti d’Ateneo: infatti, il regolamento e le modalità di attivazione degli stage è a discrezione delle varie facoltà.

Tuttavia, si fa riferimento anche a un’altra legge, specie per gli stage con finalità di assunzione: stiamo parlando della Riforma Fornero, che era stata approvata per contenere il fenomeno di ‘abuso dei tirocini’; infatti, tante aziende ne hanno largamente approfittato negli ultimi anni, preferendo avvantaggiarsi della disponibilità di stagisti piuttosto che assumere regolarmente dei dipendenti.

Per questo motivo, la riforma ha stabilito delle normative da rispettare, come per esempio il numero massimo di tirocinanti all’interno di un’azienda.

Ma veniamo al dunque: come fare domanda per uno stage universitario?

Innanzitutto, questo dipende dalle varie università: non è strano, infatti, che sia concesso allo studente di intraprendere uno stage solo quando si trova quasi al termine del proprio percorso di laurea.

Per effettuare la richiesta, dovrai andare sul sito della tua università e scaricare tutta la modulistica necessaria, che andrà opportunamente compilata e consegnata alla segreteria. In altri casi, questi moduli ti verranno conferiti direttamente in facoltà.

A quel punto dovrai scegliere una delle aziende che abbia stipulato una convenzione con la tua università e presentare la tua domanda all’impresa. In alternativa, se hai individuato un’azienda non convenzionata, puoi avanzare la proposta in segreteria (dovrai compilare altri moduli e farli firmare all’azienda che hai selezionato).

Fatto questo, dovrai attendere che l’università accetti la tua domanda: a quel punto ti verrà assegnato un tutor interno, incaricato di seguire l’intero percorso per il quale, una volta terminato, ti sarà chiesto di redigere una breve relazione in cui racconti la tua esperienza.

A questo punto potresti chiederti: riceverò un compenso per questo stage?

Di norma, lo scopo dello stage universitario è accumulare crediti formativi finalizzati al conseguimento del titolo di studio; questo significa che la legge non prevede una retribuzione dello studente.

Ad ogni modo, rimane a discrezione delle imprese conferire un rimborso spese o dei buoni pasto allo stagista.

come richiedere tirocinio universitario

Come scrivere una lettera di presentazione per uno stage universitario? Ecco cinque consigli per partire con il piede giusto

Se tra la documentazione necessaria ti viene chiesto di scrivere una lettera di presentazione, niente panico!

Vediamo alcuni elementi chiave per scriverla nel modo giusto.

1. Indica il ruolo esatto per cui ti stai proponendo

Iniziare la lettera di presentazione con l’indicazione della posizione per la quale ti stai candidando dimostra che hai riflettuto attentamente su quello che ti rende il miglior candidato per questa specifica posizione, anche se si tratta di un breve periodo.

2. Fai menzione del tuo corso di studi

Se hai poca o nessuna esperienza lavorativa, il tuo percorso formativo può essere utile ai datori di lavoro.

Includi i corsi completati e quelli che hai intenzione di seguire prima della conclusione del tuo percorso di laurea.

Ad esempio, se ti stai candidando per uno stage di design, assicurati di elencare i corsi di design e tutti i risultati significativi ottenuti fino a questo momento.

Chissà, una volta concluso lo stage universitario potresti ricevere una proposta di lavoro da parte dell’azienda! 🤞🏻

3. Metti in luce le tue competenze

Il corpo della lettera di presentazione è il luogo in cui puoi evidenziare le conoscenze, le competenze e l’istruzione pertinenti che andranno a vantaggio del datore di lavoro.

Anche se non hai un’esperienza professionale nel settore, puoi includere le competenze acquisite in precedenti lavori, posizioni di volontariato, corsi o progetti completati o risultati ottenuti in attività extracurricolari.

Per esempio, se ti stai proponendo per uno stage in una testata locale, potresti parlare del tuo ruolo di redattore per il giornale studentesco o di come il tuo precedente lavoro di receptionist ti abbia insegnato l’importanza della gestione del tempo.

4. Spiega perché sei la persona più adatta al ruolo

Il consiglio è di includere una o due frasi che mettano in relazione le tue qualifiche con lo stage. Se puoi, conduci una ricerca sull’azienda e cerca di capire quali sono le competenze e le esperienze che il datore di lavoro sta cercando, specie se hai intenzione di trasformare questo stage nel tuo futuro impiego.

5. Descrivi cosa pensi di poter ottenere dallo stage

Nella maggior parte dei casi, i datori di lavoro hanno creato un programma di stage per aiutare gli studenti e i giovani professionisti a comprendere meglio il settore e a sviluppare competenze, esperienze e relazioni che serviranno loro per tutta la carriera. Oltre a spiegare cosa hai da offrire, sottolinea cosa speri di ottenere e imparare grazie allo stage.

Leggi anche: Il potenziale del referral per il recruiting nel settore IT

Conclusioni

In questo articolo abbiamo visto come effettuare la richiesta per un tirocinio, o meglio stage, universitario.

Una volta individuata l’azienda e compilata la modulistica necessaria, non ti resta che prepararti per questa esperienza che, auspicabilmente, potrebbe rivelarsi promettente per la tua futura carriera lavorativa.

In bocca al lupo! ☺️

Share:

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp