Accedi

Cos’è lo smart working (oltre la possibilità di lavorare da casa)

Dopo due anni di pandemia, bene o male tutti quanti abbiamo capito cosa s’intende con l’espressione inglese ‘smart working’. Anche perché la maggior parte dei lavoratori è stato costretto a lavorare da casa per evitare la diffusione del virus e il contagio.

Ma quali sono le conseguenze oggi?

Come si comporteranno le aziende una volta tornati alla normalità?

Questo articolo ha l’obiettivo di evidenziare i vantaggi dello smart working, e soprattutto perché non vuol dire soltanto lavorare da casa.

Diciamocelo, che tu stia cercando degli annunci che ti permettano di lavorare da remoto (e in quel caso, noi abbiamo la soluzione per te) o che ti trovi in questa situazione, sai bene che il lavoro agile ha i suoi vantaggi.

Lo sanno bene i nostri clienti, che grazie a CVing sono riusciti a trovare l’impiego giusto che ha permesso loro di conciliare al meglio la vita lavorativa e quella privata.

Se vuoi sapere come hanno fatto, questo articolo fa al caso tuo.

Lavorare da remoto uguale più tempo per sé stessi? Come il lavoro agile ha cambiato le vite di tanti italiani

ragazza lavora in smart working

Smart working: cos’è e perché sempre più lavoratori preferiscono lavorare da casa

Il fenomeno dello smart working si è trasformato in una necessità per svariate aziende con la propagazione del virus Covid-19. Tanti esercizi che prima non erano abituati a questa modalità, sono stati costretti a mandare i propri dipendenti a casa, che hanno fatto del loro salotto di casa un ufficio improvvisato.

Tuttavia, alcune attività già conoscevano lo smart working e lo hanno trasformato in un punto di forza (prima della pandemia, questo fenomeno interessava ben il 5% dei lavoratori).

Per utilizzare questa modalità di lavoro in Italia, un’azienda deve sottoscrivere accordi individuali per ogni dipendente coinvolto, secondo la legge n. 81/2017 e la circolare n. 48/2017 dell’INAIL, che prevede lo stesso trattamento economico e normativo delle modalità di lavoro tradizionali.

Con l’aggravarsi dell’emergenza da coronavirus però, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha adottato misure per facilitare la diffusione dello smart working al fine di garantire la continuità aziendale. Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 23 febbraio 2020 dà la possibilità a qualsiasi azienda all’interno delle aree a rischio di introdurre il lavoro agile anche senza accordi individuali, richiedendo una semplice autodichiarazione.

Questo ha fatto sì che, nel giro di due anni, più di due milioni di persone lavorino da casa.

Un fenomeno interessante è poi quello del South Working, per cui tanti lavoratori di aziende collocate nel Nord Italia hanno deciso di lavorare dal Sud. È facile capire i motivi: d’altronde, lavorare nella propria casa d’origine e non in un piccolo appartamento in centro è certamente più benefico.

Vediamo adesso cosa significa veramente lavorare da casa.

Leggi anche: Metodo di lavoro: 5 tools per liberare la tua produttività

Smart working non vuol dire solo lavorare da casa

I benefici dell’introduzione dello smart working da parte delle aziende sono significativi e possono essere misurati soprattutto in termini di:

  • miglioramento della produttività;
  • maggiore responsabilizzazione dei dipendenti;
  • riduzione dell’assenteismo;
  • riduzione dei costi per gli spazi fisici.

Lavorare da casa significa che gli orari sono percepiti come meno restrittivi e l’attività viene spesso svolta con maggiore motivazione e consapevolezza degli obiettivi.

Il discorso legato all’assenteismo sul posto di lavoro scomparirebbe (per la maggior parte) perché verrebbe meno una moltitudine di imprevisti legati alla vita privata e al mondo esterno, come ad esempio gli scioperi, il traffico, un’emergenza familiare, e così via.

Anche dal punto di vista del dipendente stesso, i vantaggi sono tanti e potremmo riassumerli in un miglioramento del cosiddetto ‘work-life balance‘.

In primo luogo, il dipendente si sentirebbe più responsabile del suo lavoro, aumentando la motivazione e la soddisfazione; in secondo luogo, beneficerebbe senza dubbio di una riduzione di stress e ansia da prestazione.

Spesso la supervisione del proprio capo inficia la produttività dei lavoratori, che si sentono sotto pressione e sotto esame, specie quando lavorano all’interno di un ambiente poco positivo.

Un altro vantaggio? Lo smart working è eco-friendly!

Lavorare da casa comporta un’inevitabile riduzione dei tempi e dei costi di trasferimento.

Oltre l’80% delle persone utilizza almeno un mezzo per recarsi al lavoro. È facile capire che il decremento del pendolarismo non incide solo sulle finanze del lavoratore, ma ha anche un impatto positivo sul nostro pianeta. Meno veicoli sulla strada significa meno emissioni di CO2.

Il fatto di risparmiare tempo è un vantaggio anche perché permette al lavoratore di dedicarsi ad altre attività: che sia un altro impiego part-time, un hobby o semplicemente passare più tempo con famiglia e amici non ha prezzo.

ragazzo lavora in smart working

Cerchi un impiego da remoto? Prova Cving!

La nostra piattaforma per la ricerca del lavoro ti permette di scovare gli annunci più adatti alle tue esigenze.

Ma se la posizione offerta non è vicino a te, come puoi affrontare il colloquio?

Semplice, grazie alla nostra modalità di colloquio virtuale potrai metterti in contatto con i tuoi futuri datori di lavoro, ovunque ti trovi.

Per avere successo alla tua prossima video intervista, ti suggeriamo di fare pratica nell’apposita sezione che troverai nella tua area personale.

Con CVing potrai trovare gli annunci più adatti al tuo profilo lavorativo e grazie al test della personalità scoprirai le tue propensioni, ottimizzando la tua ricerca.

Inizia subito, carica il tuo curriculum e trova il lavoro che hai sempre desiderato con CVing!

Leggi anche: Cambiare Mindset: modalità statica e dinamica

Conclusioni

Lo smart working è una modalità di lavoro che da opzione si è trasformata in necessità. Anche con la fine dello stato di emergenza, sembra però che tante aziende vogliano continuare a perseguire l’abitudine del lavoro agile.

Abbiamo visto che i benefici sono tanti, sia dalla prospettiva del lavoratore, sia da quello dell’azienda.

Lavorare da casa significa avere disciplina, essere più motivati, ottimizzare i tempi e ridurre i costi.

Ma se invece sei ancora alla ricerca di un impiego (e perché no, in smart working), quello che devi fare è iscriverti a CVing e iniziare subito la tua ricerca.

Share:

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp