Accedi

Bisogna sempre dire ciò che si pensa? I rischi che corrono gli Yes Men

È giusto dire ciò che si pensa sul posto di lavoro? O è meglio accettare tutto ciò che dice il capo per non correre rischi?

Credi davvero che dicendo sempre sì salverai la tua posizione?

Nel mondo è pieno di Yes Men: persone che acconsentono senza nemmeno porsi domande, perché “è più conveniente”. Ma siamo davvero certi che sia così?

Pensaci: lo scenario più verosimile è che ti riduca a lavorare più del dovuto, sacrificando la tua vita privata e i rapporti sociali per rendere più felice qualcun altro.

Ma tu non sei felice di certo.

Non credo che sgobbare nei weekend sia meglio rispetto a vedere la partita di calcio di tuo figlio la domenica mattina.

Ecco perché in questo articolo vedremo perché a volte è importante saper dire di no. Anzi, farò di più. Ti dirò perché molti datori di lavoro – in realtà – apprezzano chi sa opporsi.

(Sì, non sto scherzando).

Yes Man o No Man? Ecco perché dire di no al capo può fare la differenza

dire la propria opinione tra un gruppo di persone

Perché è importante saper dire di ‘no’

Probabilmente adesso ti starai chiedendo: “ma scusa, non è sempre una buona idea dire la verità ed essere propositivi?”.

Okay, te lo concedo.

Di certo non sono qui a suggerirti di mentire per ottenere ciò che vuoi, anzi.

Qui il discorso è un po’ complesso, ma cercherò di fare ordine.

Dunque, partiamo dal presupposto che dire sempre sì non ti rende una persona migliore. Prima di farti congetture che ti porteranno a certe conclusioni, fermati un attimo a pensare.

Ti sarà sicuramente capitato che una persona ti chiedesse un favore o che ti facesse una proposta. È altrettanto vero che qualche volta tu abbia pensato “perché lo stai domandando proprio a me?”.

Ammettilo, ti è successo almeno una volta.

Ma siccome ti piace aiutare gli altri, o magari la tua educazione ti impedisce di ferire i sentimenti altrui, tendi a dire di sì. Anche controvoglia.

Ecco, ti svelo un segreto: questo non ti renderà migliore.

Sì, perché in realtà non stai aiutando nessuno.

Okay, il tuo amico ti ha chiesto di accompagnarlo a quella mostra di Schiele di cui a te non importa assolutamente nulla. Lo accompagni per ‘farlo contento’. Ma siamo davvero sicuri che sia così?

Prova un po’ a metterti dall’altra parte. Come ti sentiresti che andassi al cinema a vedere il film degli Avengers che aspettavi da mesi con una persona che non ama la Marvel (o peggio, simpatizza per la DC – scherzo! 😉 )? Riusciresti davvero a goderti il film con una persona che controlla costantemente l’orario e sbadiglia durante le scene epiche?

Tu dirai “che m’importa!”, ma spesso non è così semplice.

Se una persona fa qualcosa controvoglia, lo percepisci. Eccome se lo percepisci.

Che cosa significa?

Che, ritornando all’amico e alla mostra di Schiele, probabilmente non sarà totalmente sereno, perché gli farai pesare (in un modo o nell’altro) il fatto che preferiresti essere altrove.

Quindi, unpopular opinion: essere uno yes man come Jim Carrey nell’omonimo film non è la strada giusta.

Leggi anche: Come è nata la festa del primo maggio (e cosa c’entrano gli scioperi)

Yes Man sul posto di lavoro? Anche no, grazie

Per definizione, uno ‘Yes Man’ è qualcuno che tende a dire sempre sì in qualsiasi circostanza, talvolta senza supportare le proprie ragioni.

Probabilmente hai già capito dove sto andando a parare, vero?

Dire sempre di sì non ti renderà un impiegato migliore.

E adesso ti spiego perché.

Accettare ogni cosa che ti propone il capo è un’arma a doppio taglio. All’inizio darà prova della tua disponibilità e, pensi, che sarai ben visto/a agli occhi del tuo datore.

Ma qual è il rischio che si corre alla lunga?

Vuoi davvero ritrovarti a fare straordinari su straordinari – a volte nemmeno retribuiti –, a lavorare nei weekend, a sovraccaricarti di compiti per ‘far felice’ il capo?

Ecco cosa succede: che la persona per la quale lavori inizierà a darti per scontato e a pretendere sempre di più. Dall’altra parte, dovrai rinunciare al tuo tempo libero, a stare con la tua famiglia e con i tuoi amici, rischiando la tanto temuta sindrome da burnout.

Insomma non tanto bello, che dici?

foglio accartocciato con scritta 'ideas'

Perché dire di no a lavoro può fare la differenza

Partiamo dal presupposto che ci sono datori di lavoro e datori di lavoro.

Non sono di certo qui per screditare tutti i capi del mondo. Però una cosa dobbiamo dirla.

Esistono dei datori di lavoro che apprezzano chi sa dire di no.

Aspetta, fai sul serio?

Pensaci. Una persona che dice sempre e solo sì (senza aggiungere alcunché) non sta portando valore all’azienda.

Così facendo – e in base al lavoro che fai – sei facilmente sostituibile.

C’è invece chi apprezza le persone che sanno opporsi e che supportano le proprie idee con ragioni valide e con i fatti. È inutile accettare tutto passivamente se poi alla fine ti riduci allo stremo delle tue forze solo per accontentare qualcun altro.

E poi, parliamoci chiaro: il tuo capo potrà beneficiarne solo nel breve termine. Alla lunga, non riuscirai più a reggere certi ritmi e inizierai a fare male ciò che prima ti riusciva semplice come allacciare le scarpe.

Ammesso e non concesso che tu non faccia parte di una catena di montaggio stile ‘Tempi Moderni’, lavorare in modo automatico senza metterci del proprio non ti porterà lontano.

Inizia a chiederti:

  • perché faccio ciò che faccio?
  • Cosa ne penso?
  • Ho un’opinione in merito?
  • Sono in disaccordo?

Spesso le discussioni possono mettere in risalto nuove prospettive e punti di vista, e potresti stupire chi hai davanti. Ripeto: è di gran lunga più apprezzabile avere a che fare con dei dipendenti che dimostrano di essere presenti nel qui ed ora, e che non lavorano passivamente senza porsi delle domande.

Adesso la vera domanda è: cosa cerchi TU da un datore di lavoro? Vuoi lavorare per qualcuno che si attornia di Yes Men o per chi invece cerca la discussione e ama il confronto?

Leggi anche: Donne e materie STEM, un altro tassello della disparità di genere

Conclusioni

Che tu abbia deciso di cambiare lavoro o che ne stia cercando uno, è importante esprimere le proprie opinioni e non lasciarsi intimorire.

Essere uno Yes Man non ti porterà lontano se poi ti ridurrai a lavorare oltre l’orario prestabilito e dovrai sacrificare la tua vita privata per accontentare qualcun altro.

Per questo, devi fare la scelta giusta.

E in questo, noi possiamo aiutarti.

CVing è una platform experience che, rispetto a ogni altra, ti dà la possibilità di affrontare dei colloqui virtuali e di trovare le offerte più in linea con il tuo profilo lavorativo grazie al test della personalità.

Vuoi saperne di più? Visita il sito e inizia a cercare lavoro oggi stesso!

Share:

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp