Accedi

I robot e il lavoro: ci ruberanno loro il futuro o lo faremo noi?

L’intelligenza artificiale sostituirà l’uomo?Ecco come stanno veramente le cose

immagine di robot: sostituiranno l'uomo?

Robot: cosa sono e in quali lavori possono sostituire l’uomo

Un robot è una macchina in grado di eseguire automaticamente dei compiti specifici, replicare gli sforzi umani e fornire risultati migliori.

Esistono cinque tipi di robot:

  • robot pre-programmati: possono eseguire compiti semplici. Un braccio meccanico usato per la saldatura nell’industria automobilistica ne è un esempio;
  • robot umanoidi: come suggerisce l’aggettivo, assomigliano agli umani e ne imitano le azioni;
  • robot tele-operati: sono controllati dall’uomo. Svolgono compiti in condizioni estreme nelle quali gli esseri umani non sono in grado di operare. Un esempio? I sottomarini o i droni;
  • robot autonomi: sono indipendenti, per cui non richiedono l’intervento umano;
  • robot di potenziamento: migliorano le capacità umane sostituendo la parte inefficace, come arti protesici o esoscheletri.

Ma la domanda che in molti si pongono è: i robot rimpiazzeranno l’uomo nel mondo del lavoro?

La risposta è: sì e no.

Grazie allo sviluppo tecnologico, è possibile ottimizzare i tempi e permettere a delle macchine di svolgere alcuni lavori, automatizzandoli. Vediamo alcuni esempi.

#1 Dirigenti del servizio clienti

Non essendo richiesto un alto livello di intelligenza sociale o emotiva per funzionare, molte aziende ora si affidano all’intelligenza artificiale per rispondere alle FAQ e alle domande di assistenza clienti. Per esempio, i chatbot stanno pian piano diventando una parte significativa dell’interazione con i clienti.

#2 Correzione di bozze

Mentre l’editing è un lavoro più complesso in termini di tonalità e comprensione (che richiede necessariamente l’intervento umano), la correzione di bozze è molto più semplice. Rilevare gli errori grammaticali, la costruzione delle frasi e migliorarne la forma può essere facilmente automatizzato attraverso diverse applicazioni. Per esempio, Grammarly è una delle più famose che i professionisti usano per questo scopo. Va da sé che l’intelligenza artificiale da sola non basta: è comunque necessario il supporto di un esperto, che vedrà il lavoro indubbiamente semplificato e sveltito.

#3 Servizi al dettaglio e di corriere

I servizi automatizzati spesso sostituiscono chi si occupa delle vendite: tieni presente che diversi commercianti ora si sono affidati all’auto-ordinazione, per cui anche l’IA potrebbe essere presto coinvolta.

I robot stanno sostituendo anche il lavoro dei rivenditori in molti conglomerati commerciali perché in grado di capire e memorizzare i gusti dei clienti per promozioni future.

Inoltre, droni e robot stanno già prendendo il sopravvento sui servizi di corriere. A parte l’industria manifatturiera, i settori dei trasporti saranno i più colpiti quando l’automazione robotica raggiungerà il boom negli anni futuri.

#4 Soldati e militari

I professionisti militari sono sicuri che i futuri campi di battaglia saranno composti da robot che possono eseguire gli ordini senza una supervisione costante. I robot vengono utilizzati spesso durante operazioni militari per svolgere vari compiti come la sorveglianza o l’intelligence.

Recentemente, il capo dell’esercito britannico ha dichiarato che “i robot autonomi potrebbero presto formare un quarto dell’esercito britannico entro il 2030”.

#5 Autisti di taxi e autobus

C’è un’elevata possibilità che questo settore sia completamente automatizzato nel futuro. Le self-driving car sono già una realtà. Secondo una stima del Los Angeles Times, i camion a guida autonoma potrebbero sostituire quasi 2 milioni di camionisti americani nei prossimi dieci anni.

Sebbene la situazione possa sembrare surreale, o addirittura spaventosa per alcuni, è opportuno soffermarsi su una questione importante: l’uomo non potrà mai essere sostituito completamente dalle macchine.

Il motivo? Perché ci sono delle competenze che un robot non potrà mai acquisire. Vediamone alcuni esempi.

Leggi anche: Lavorare 4 giorni a settimana (in Italia) a parità di salario: missione possibile?

Quali competenze sono necessarie per non essere sostituiti dalle macchine?

L’intelligenza emotiva è la capacità di controllare ed esprimere le proprie emozioni, così come comprendere quelle degli altri.

Immagina se il tuo manager non la possedesse affatto. Non sarebbe in grado di comunicare efficacemente con te, non capirebbe perché un giorno potresti aver bisogno di lavorare da casa e non sarebbe in grado di aiutarti a gestire una situazione di stress.

Ora, ci sono robot in fase di sviluppo che usano l’intelligenza artificiale per rilevare le emozioni, ma non sono in grado di comprendere appieno la complessità della psicologia umana. Certo, potrebbero saper registrare le emozioni, ma questo non significa che possano costruire relazioni e mostrare empatia.

Un altra competenza è la risoluzione creativa dei problemi.

Poiché i robot non possono attingere e comprendere la psiche umana, non saranno in grado di risolvere i problemi in modo creativo come farebbe un designer di prodotti, un pubblicitario o un marketer.

Il problem-solving creativo può significare una serie di cose: risolvere i conflitti tra dipendenti, soddisfare gli obiettivi di un cliente, o regolare i processi interni del flusso di lavoro.

Prenditi un momento per pensare a quelle volte in cui sei stato creativo per risolvere un problema. Ripercorri velocemente il tuo processo decisionale che poi ti ha portato alla soluzione. Potrebbe farlo una macchina? Probabilmente no.

E che dire della gestione del lavoro?

Molte aziende usano già software e programmi di intelligenza artificiale per gestire i loro datori di lavoro, prodotti o servizi. L’implementazione di questi strumenti permette ai dipendenti di bypassare alcune task e concentrarsi invece su lavori più importanti.

Quindi, tecnicamente, l’automazione ha già iniziato a prendere il sopravvento su molti posti di lavoro, ma c’è ancora bisogno di esseri umani che la controllino.

Se un ragioniere o una contabile di un’azienda usa un programma per tenere traccia delle entrate e delle uscite, ma quest’ultimo si blocca, che succede? Si introduce un altro software o un processo automatizzato? No, c’è bisogno di un essere umano che rilevi quell’errore e usi le sue capacità di problem-solving per correggerlo.

Per ultimo, non bisogna mai sottovalutare la comunicazione.

Certo, i robot sono in grado di comunicare tra loro e con noi, ma questo, certamente, non è sufficiente.

Per fare solo un rapido esempio, pensa a quei giorni in cui lavori da casa e comunichi con i colleghi esclusivamente attraverso e-mail e messaggi. Funzionano bene, certo, ma non sono efficaci come le interazioni tête-à-tête, giusto? Lo stesso principio vale per la comunicazione automatizzata.

mano di un robot che tiene un cucchiaio

Trovare il lavoro che fa per te? Con CVing è possibile!

Abbiamo ideato una piattaforma innovativa che permette a tutti coloro che cercano lavoro di trovare l’offerta giusta.

Per rimanere in tema di tecnologia e IA, il nostro sistema prevede la possibilità di:

  • effettuare delle video interviste ovunque ti trovi, in un modo facile e immediato;
  • filtrare gli annunci in base ai risultati del tuo test della personalità;
  • avere maggiore visibilità per le aziende che ricercano un profilo lavorativo simile al tuo.

La possibilità di affrontare i colloqui da remoto ha permesso alle aziende che collaborano con noi di ottimizzare i tempi e valutare attentamente ogni candidato.

Inoltre, grazie al sopra menzionato test, CVing ti propone le offerte di lavoro più affini al tuo profilo lavorativo, e a suggerisce ai manger i profili dei candidati più in linea con le loro esigenze.

Con CVing, trovare lavoro non è mai stato così semplice (e veloce!).

Non ti resta che fare l’upload del tuo curriculum e iniziare la ricerca!

Leggi anche: South working: quando trasferirsi al Sud diventa opportunità

Conclusioni

Tanti temono che, in futuro, l’IA e i robot sostituiscano gli esseri umani nel mondo del lavoro.

Se guardato da una diversa prospettiva, l’automatizzazione di alcuni mestieri permetterà di:

  • velocizzare e standardizzare determinate procedure;
  • sviluppare nuovi lavori in cui sarà richiesto il contributo umano (per esempio, qualcuno dovrà pur occuparsi della manutenzione dei robot!).

La tecnologia è uno strumento che ormai è entrato a far parte delle nostre vite, in grado di migliorare la qualità della nostra vita e, perché no, anche del lavoro.

Se stai cercando l’impiego che fa per te ma le tue ricerche finora sono state vane, prova CVing e trova gli annunci adatti a te!

Share:

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp