Accedi

Lavorare nel metaverso: prospettive e opportunità di un futuro ormai presente

Se stai cercando sul web nuove opportunità di lavoro, gli scenari sono due: sei disoccupato/a e alla ricerca del lavoro dei tuoi sogni, oppure fai un lavoro che non ti piace e cerchi qualcosa di meglio. 

“Il problema è che non c’è lavoro”.

“Mi dispiace, ma non stiamo assumendo al momento”.

“Per questo lavoro sono richiesti 5 anni di esperienza pregressa nel nostro settore”. 

Quante volte ti sarà capitato di sentire frasi del genere, o ti è stato detto che il tuo titolo di studi non era sufficiente (o addirittura pertinente) per il lavoro per il quale stavi facendo domanda? 

Ma non è che ci sia tanta scelta: in un periodo di crisi, si fa quello che si trova, accantonando le ambizioni che hanno nutrito la tua infanzia e adolescenza. 

D’altra parte però, ci sono tante persone che hanno trovato il lavoro dei loro sogni, perché hanno capito come avere successo in un colloquio, come valorizzarsi e come farsi notare. Ma soprattutto, dopo due anni di pandemia, hanno compreso che il mondo del lavoro sta cambiando vertiginosamente e che, per avere successo, devono reinventarsi e stare al passo con i tempi. 

Se vuoi saperne di più, questo è l’articolo che fa al caso tuo.

Job hunting nel metaverso: alla ricerca delle professioni più creative e stimolanti, in una realtà dove lo spazio non conosce limiti e l’IA potrebbe migliorare le tue condizioni di lavoro

una ragazza indossa un vr per partecipare a un meeting virtuale

 

Quali sono i vantaggi di lavorare nel metaverso oggi?

  • Diminuire gli aspetti negativi del lavoro a distanza

Finora, la tecnologia è servita principalmente per mantenere la comunicazione e l’interazione sul lavoro nonostante la distanza fisica. E questa funzione si è resa ancora più necessaria con l’arrivo della pandemia, dove tanti lavoratori si sono ritrovati costretti a fare del loro studio o salotto un ufficio improvvisato. 

Ma, se da una parte il lavoro virtuale inibisce la lettura del linguaggio del corpo e fa sentire le persone paradossalmente disconnesse dal luogo in cui il lavoro ‘sta accadendo’, nel metaverso possiamo unirci ai membri del nostro team in spazi di lavoro virtuali come avatar 3D, rendendo l’esperienza lavorativa più verosimile. 

Secondo Satdya Nadella di Microsoft, Accenture è uno dei migliori esempi di metaverso attuale e, dichiara, “letteralmente chiunque in tutta Accenture a livello globale può in qualsiasi momento fare un salto all’ennesimo piano e incontrare altri dipendenti”.

  • Visualizzare e risolvere i problemi in 3D 

Grazie all’uso di modelli 3D, è possibile risolvere criticità in campi come l’assistenza sanitaria, l’architettura, l’edilizia e così via senza essere fisicamente presenti.

Immagina, per esempio, di avere un problema di cablaggio e di chiamare un elettricista in grado di risolverlo semplicemente collegandosi a casa tua da qualsiasi posto, ovunque egli si trovi. 

Nel metaverso, qualsiasi cosa può essere modellata in 3D, permettendo una valutazione più precisa, agevolando la progettazione e il processo decisionale e riducendo tempi e costi.  

  • Nessuna restrizione di spazio e dipendenza dall’hardware 

Gli spazi limitati e la presenza massiccia di hardware non sono un problema nel metaverso: basteranno solo lavagne e postazioni di lavoro digitali, in cui gli avatar 3D saranno liberi di incontrarsi ‘faccia a faccia’ senza bisogno di attrezzature per conferenze. 

In più, sarà possibile beneficiare dell’intelligenza aumentata e artificiale nelle sale riunioni. Durante un meeting, per esempio, sarai in grado di vedere tutti i profili delle persone coinvolte e le tue interazioni precedenti con loro. 

Inoltre, la traduzione in tempo reale giocherà un ruolo sempre più centrale, permettendo alle persone di connettersi come mai prima.

Leggi anche: How to find a job in Dubai and get your resident visa

Quali opportunità di lavoro nel metaverso?

Se il futuro del metawork avrà successo, le opportunità sono potenzialmente infinite. 

Saranno richiesti designer di moda digitali, che potranno sperimentare i materiali senza usarli realmente, professionisti medici che potranno visitare un ‘doppione’ digitale del tuo corpo qualora avessi bisogno di assistenza, e così via.

Altri possibili lavori includono:

  • Guide turistiche: immagina qualcuno che possa guidarti in posti incredibili all’interno del metaverso, proprio come una guida turistica in carne e ossa. L’unica differenza? Non esistono limiti spaziali.

 

  • Architetti: un costrutto nel metaverso è un elemento sviluppato da zero, come un’esperienza, un oggetto o un luogo. Questo richiederà molta abilità creativa e competenza da parte di sviluppatori e designer.

 

  • Avvocati del contratto intelligente: gli affari e le transazioni nel metaverso richiederanno nuovi metodi per garantire la legalità. La tecnologia Blockchain e gli avvocati di contratti intelligenti potrebbero diventare essenziali nell’era digitale.

Poiché i ruoli nel metaverso richiedono competenze molto significative nel mondo digitale, è probabile che all’inizio ci saranno maggiori opportunità di guadagno. Tuttavia, man mano che il metaverso diventerà più comune, questi talenti potrebbero diventare una parte naturale dell’ecosistema virtuale.

ragazza lavora al pc con un vr

Virtual offices: le aziende ci stavano lavorando già prima dell’avvento del metaverso

Sembra che tutti, dai Big Tech alle nuove startup, vogliano dare il proprio contributo. 

Microsoft prevede di integrare la sua piattaforma VR/AR Mesh con Teams e ha accennato a futuri “spazi immersivi” all’interno dell’applicazione di messaggistica. Meta ha costruito Horizon Workrooms per tenere riunioni con cuffie Oculus. Ma potrebbero essere le aziende di cui non abbiamo mai sentito parlare a stupirci.

Le aziende di uffici virtuali sono diventate una realtà anche prima dell’esplosione della parola ‘metaverso’, e con l’adozione di massa del lavoro a distanza, le startup hanno colto la palla al balzo. 

Gather, per esempio, che è stata fondata nel maggio 2020, ha raccolto 77 milioni di dollari, mentre TeamFlow ha raccolto 50 milioni di dollari dal suo lancio nel gennaio 2021. Virbela, costruttore di mondi virtuali dal 2012, ha visto un aumento del 260% delle entrate nel secondo trimestre del 2020.

Grazie agli uffici digitali, non ci sarà più il problema di costi immobiliari esorbitanti né limiti sulle scelte di design. “Penso che il futuro sia luminoso”, ha detto il CEO di TeamFlow Florent Crivello. “La transizione verso il remoto sarà la più importante transizione economica dalla rivoluzione industriale”.

Anche se il metaverso non fa ancora parte della nostra realtà lavorativa quotidiana, tante aziende si stanno già muovendo verso quella direzione, ossia verso un’era in cui ci si può muovere come una controfigura digitale.

Se poi vogliamo spendere qualche parola sull’estetica e il design di landscapes e personaggi, possiamo dire che essa varia da azienda ad azienda: in Gather sembra di essere in un videogioco vecchia scuola, con personaggi pixelati e un mondo 2D che fa tanto effetto vintage; in TeamFlow, ci si muove in un ufficio dall’aspetto moderno, mentre Virbela ha un design 3D, che ti permette di navigare attraverso un campus di uffici dietro un avatar corposo. 

Ma queste aziende non sono le sole ad aver abbracciato l’ecosistema del meeting virtuale: anche CVing offre quest’opportunità a tanti lavoratori e non. Oltre a essere una delle migliori realtà per la ricerca di lavoro, permette anche di sostenere dei colloqui virtuali attraverso una piattaforma che ti consente di allenarti prima dell’incontro con il tuo job recruiter! 

A questo punto, non ti resta che iscriverti e creare il tuo CV!  

Leggi anche: Expo Dubai, the event of records

Conclusioni

In questo articolo ti ho parlato dei principali vantaggi del lavoro nel metaverso e quali potrebbero essere gli impieghi più richiesti in un momento in cui le opportunità sono molteplici. 

L’arrivo della pandemia ha già in qualche modo anticipato ciò che era inevitabile: abbiamo passato due anni distanziati l’uno dall’altro, senza poterci toccare o interagire fisicamente. In un modo o nell’altro, questa situazione ha avuto un notevole impatto sulle nostre vite. 

E mentre speravamo che il Wi-Fi non crollasse proprio durante quell’importantissima call su Zoom, tante aziende emergenti, e non, hanno cominciato a lavorare alla creazione di uffici virtuali e avatar di ogni sorta, che presto o tardi diventeranno parte integrante della nostra realtà lavorativa. 

Se anche tu vuoi stare al passo e sei alla ricerca di un lavoro che ti soddisfi e ti faccia sentire gratificato, iscriviti a CVing e inizia la tua ricerca!

 

Share:

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp