Accedi

Come si calcola il prezzo di vendita? Così puoi dare un valore (corretto) al tuo lavoro

Se hai avuto esperienze lavorative in passato, ti sarà capitato probabilmente di domandarti se lo stipendio che ricevevi fosse consono. O nel caso in cui tu sia un neo diplomato/laureato, è altrettanto probabile che qualcuno che conosci abbia avuto dubbi simili.

Perché, diciamoci la verità, di lavoro ce n’è poco di questi tempi, e molti per paura tendono a non farsi domande e ad accontentarsi. Ma tu non vuoi cadere nell’errore di tanti, dico bene?

Desideri che il lavoro ti piaccia ma che al contempo soddisfi le tue attese economiche.

Ma come capire se lo stipendio corrisponde al tuo valore?

Sappi che un modo per fare queste valutazioni c’è, e infatti già molti hanno adottato la giusta strategia con successo. Oggi lavorano sereni, perché sanno qual è il ‘loro prezzo’ e sono in grado di valutare se un’offerta di lavoro sia più o meno vantaggiosa.

Vuoi saperne di più? Questo è l’articolo che fa al caso tuo.

Il mio lavoro ha un valore che va al di là dello stipendio? Sì, e sapere come calcolarlo è più che essenziale per vivere serenamente

immagine di una pompiera seduta su un gradino in pausa dal lavoro

Prezzo di vendita: definizione

Il prezzo è definito come la quantità di denaro che decidi di far pagare per i tuoi prodotti o per un servizio che offri. Ma capirai benissimo che questa è una definizione un po’ semplicistica e riduttiva e che per comprendere questo concetto è opportuno considerare una serie di fattori correlati.

I prezzi sono degli indicatori in grado di ascrivere un valore al tuo prodotto o al tuo lavoro. Per questo motivo, è essenziale sapere come calcolarlo quanto più precisamente possibile.

Ma come fare?

Per calcolare un prezzo di vendita si ricorre alle cosiddette pricing strategy, che si riferiscono ai processi e alle metodologie che, per esempio, le aziende usano per fissare i prezzi di prodotti e servizi.

Dunque, per intenderci, se da una parte il prezzo corrisponde a quanto fai pagare per i tuoi prodotti, la strategia di  è invece lo strumento che usi per determinare quale dovrebbe essere l’importo.

Se secondo alcuni studi risulta che questa strategia sia poco utilizzata dalle aziende, lo stesso principio vale per il singolo lavoratore: spesso si tende ad accettare ‘passivamente’ lo stipendio per il proprio lavoro, senza provare a chiedersi quale sia il prezzo effettivo del proprio operato.

Per cui, è arrivato il momento di chiedersi: come comprendere il valore del proprio operato?

Leggi anche: Pregi e difetti durante il colloquio: così puoi rispondere al meglio

Come capire il valore del proprio lavoro: i consigli da seguire prima di accettare un’offerta di assunzione

Fai delle ricerche sui social media

Se stai per affrontare un colloquio di lavoro, fai una ricerca sulla persona che stai per incontrare e sul team esecutivo (se ne esiste uno) tra i più popolari siti di social media. In questo modo, potrai farti un’idea più nitida di ogni persona con cui avrai a che fare prima del fatidico incontro e di una ipotetica assunzione.

Lo stipendio è in linea con il mercato?

Per rispondere a questa domanda, puoi iniziare con una semplice ricerca sul web per comprendere qual è lo stipendio medio della professione per la quale hai fatto domanda di assunzione. Nel caso in cui abbia un colloquio prefissato con un’azienda (ma anche se stessi ancora cercando l’opzione migliore per te), potresti pensare di controllare direttamente gli annunci e farti un’idea della retribuzione media.

Inoltre, potresti dare un’occhiata alle responsabilità del ruolo, soprattutto se sono simili a quelle di cui ti prendi cura attualmente. Potrebbe essere un ottimo punto di riferimento per individuare più facilmente la fascia retributiva media entro la quale dovresti essere.

Considera i costi fissi (o life balance)

Per costo fisso si intendono le uscite finanziarie che affronti ogni mese sia professionalmente parlando che nella vita privata. Per avere un certo tenore di vita, infatti, è necessario affrontare degli esborsi che soddisfino le tue attese ma anche quelle della tua famiglia.

Parliamo quindi di:

  • spese per gli alimenti;
  • bollette, affitto e altri costi legati alla manutenzione della casa;
  • spese di trasporto, e quindi la benzina o l’abbonamento di un mezzo pubblico per raggiungere l’ufficio;
  • costi per la strumentazione di lavoro, come il computer, il tablet, lo smartphone, ecc.;
  • eventuali corsi di aggiornamento per rimanere al passo con le novità e migliorare le proprie prestazioni.

A seconda dello stile di vita che conduciamo, è importante tenere conto di queste spese per capire di quanto denaro abbiamo bisogno, senza contare della somma che vorremmo mettere da parte per viaggi, investimenti e progetti futuri di ogni sorta.

Se dunque il contributo ricevuto è maggiore dei costi da sostenere, parleremo di utile; in caso contrario, si tratta di perdita. Nel secondo caso, è evidente come non sia possibile considerare una prospettiva di carriera nel lungo termine, soprattutto qualora si desiderasse raggiungere un certo grado di indipendenza e ci si voglia costruire un futuro dalle basi solide.

due donne e un uomo al lavoro davanti a un pc e con un grafico alle spalle

Voglio trovare un lavoro che riconosca il mio valore. Con CVing questo è possibile.

Cercare lavoro oggi non è certamente una passeggiata. Per questo, molte startup e aziende si sono evolute per creare delle piattaforme in grado di agevolare la caccia all’impiego.

Tra le tante realtà per la ricerca del lavoro, CVing è stata giudicata come una delle più innovative.

Infatti, non solo aiuta i candidati a trovare le offerte più affini alle loro competenze ed esperienze pregresse, ma supporta anche i datori di lavoro ricercando i profili più in linea con le loro aspettative.

A sostegno della tesi che CVing aiuti sia chi cerca lavoro che chi lo offre, ci teniamo a sottolineare come questa piattaforma si sia distinta sin da subito mettendo a disposizione una sezione apposita per i colloqui da remoto.

Probabilmente ti sarà capitato di sostenerne almeno uno, ma se così non fosse, niente panico! Accedendo alla tua area personale, troverai una sezione in cui esercitarti con questa nuova modalità.

In più, grazie al test della personalità, sarà CVing stesso a suggerirti delle offerte coerenti con la tua persona e la tua carriera scolastico-lavorativa.

Che cosa aspetti? Inizia subito la ricerca del lavoro che hai sempre desiderato!

Leggi anche: Digital Marketing e lavoro: come costruire una carriera nel digitale

Conclusione

In questo articolo abbiamo visto l’importanza di assegnare un valore al proprio lavoro, e come questo sia un requisito fondamentale prima di prendere in considerazione un’offerta di assunzione.

È importante accertarti che lo stipendio riesca a ricoprire non solo le spese che si affrontano ogni mese, ma che ti permetta anche di vivere serenamente, rispettando le attese del tuo nucleo familiare o semplicemente le tue esigenze qualora viva in completa autonomia.

Infine, abbiamo visto in cosa consiste brevemente la realtà di CVing, quali sono i suoi punti di forza e perché è così innovativa. A questo punto non ti resta che creare la tua area personale e cercare il lavoro dei tuoi sogni.

In tanti lo hanno già fatto, manchi solo tu!

Share:

Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp